Baratto amministrativo a Scafati: pronto il regolamento. “Risposta concreta per le fasce deboli”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Scafati_Comune_MunicipioPronta la bozza di Regolamento e la relativa proposta di Consiglio Comunale che ha come oggetto il “Baratto Amministrativo”. Scafati sarà uno dei primi Comuni in Campania ad utilizzare il sistema previsto dal Decreto Sblocca Italia che permette agli Enti di recuperare gettito erariale attraverso la manodopera messa a disposizione dai cittadini non in regola con i tributi comunali e che ne faranno richiesta. Sarà il Responsabile del Servizio Finanziario, ogni anno, ad indicare la somma che potrà essere utilizzata dai cittadini con ISEE inferiore ad 8.000 € sottoforma di Baratto Amministrativo. Al Settore Manutenzione spetterà, invece, il compito di specificare quali tipologie di lavori mettere a compensazione di coloro che dovessero farne richiesta.

Il sindaco di Scafati, Pasquale Aliberti: “Il baratto amministrativo è una risposta concreta sia per le fasce più deboli, attraverso il loro coinvolgimento nella vita della comunità mettendo a disposizione il proprio operato e le proprie competenze; sia per l’Ente che potrà recuperare fondi di Bilancio ritenuti ormai persi, risparmiando su alcuni servizi relativi alla manutenzione verde, pulizia e custodia immobiliare”.

L’assessore al Bilancio e Fiscalità, Diego Chirico: “Dopo aver lavorato anche nel periodo estivo, possiamo ritenerci soddisfatti di questo ulteriore tassello di buon governo dell’amministrazione Aliberti. Sono giornaliere le richieste che pervengono alla politica di sostegno da coloro che, non riuscendo a garantirsi un reddito adeguato, non sono in regola con i tributi comunali. Per questo, possiamo essere soddisfatti di questo nuovo Regolamento che vede continuare il percorso di integrazione rivolto alle fasce più deboli della popolazione attraverso una oculata gestione delle finanze dell’Ente che, ad esempio, ci ha visto restituire ai cittadini durante il 2015 canoni idrici relativi addirittura al periodo 2002/2003, sottolineando il rispetto per la gestione dei soldi pubblici che caratterizza l’operato di questa Amministrazione.”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.