Fare impresa in Italia, Salerno quartultima. Celano: ”Basta ai pifferai magici”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
11
Stampa
salerno_panorama_caseNella classifica dei Comuni dove è più facile fare impresa, pubblicato dal Corriere della Sera, Salerno si classifica al 97^ posto (su 101!), perfino dietro a Napoli (95^). Per anni abbiamo sentito parlare di sburocratizzazione, di posti di lavoro, di sviluppo della citta’.

Ora invero non può che essere a tutti chiaro che Salerno non ha ancora, dopo 25 anni di chiacchiere, una vera e definita identità produttiva, che avrebbe consentito a chi volesse intraprendere di inserirsi e di investire con concrete possibilità di profitto. Le amministrazioni che si sono succedute, guidate dal “re” della burocrazia e dei cavilli, ricercati accuratamente x resistere ed eludere norme e regole, tartassa oltremodo cittadini ed operatori economici, scoraggiando di fatto chi ne avesse voglia di investire in città.

Urge “cambiare marcia”, dare una identità alla città di Salerno, ridurre tasse e balzelli ed offrire servizi più adeguati. Salerno non ha bisogno di “pifferai magici” ma di chi concretamente ha le idee chiare e intende spendere energie e sviluppare progetti per la comunità più che per se stesso e la sua famiglia. Salerno ha bisogno di produrre ricchezza e di attrarre investimenti capaci di creare posti di lavoro (quelli veri e produttivi!) per consentire ai giovani salernitani, quelli che non hanno “Santi in Paradiso”, di vivere dignitosamente nella propria città e di ritornare a sognare.

Comunicato stampa Roberto Celano ~ consigliere comunale di Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

11 COMMENTI

  1. …….. il problema è il crescent bloccato, altrimenti si sarebbero creati circa 5.000 posti di lavoro!!!!!!!! A parte gli scherzi, ma il duce in vent’anni e più ha mai pensato alla crescita economica della città, ammesso che ne fosse stato capace? L’unica crescita a cui ha badato in grande, oltre alle imposte, è stata quella delle volumetrie di cemento per gli affari suoi e di quelli dei suoi amici! Si dovrebbe solo vergognare e sparire al più presto dalla scena politicante insieme ai suoi yes men e a chi continua a votarlo.

  2. Consiglio per celano si veda gianni e il magico alvermann cosi apprende i rudimenti da mago tanto alle elezioni va in bianco ahahahahah

  3. In questi anni Salerno indubbiamente è cresciuta tantissimo sotto il profilo della arredo e decoro urbano ma non tutta la città ma soltanto il centro è le zone prettamente vicine.
    Poltanto lavoro occasionale per qualche mese al massimo.
    Il crescent non serve assolutamente a nulla al suo posto avrei visto un piccolo acquario il quale poteva benissimo essere progettato da Calatrava ed insieme alla stazione marittima sarebbe stato uno spettacolo per gli occhi ma anche per l economia Salernitana.
    Al posto del parco Pinocchio del parco dell irno e della cittadella giudiziaria e qualche Palazzo moderno avrei visto una zona termalehe si espandeva dalla foce della irno fino a Fratte
    Altri posti di lavoro fissi
    Al posto dei vari porticcioli soltanto spiagge altro lavoro fisso senza inquinare il mare
    Un bel parco acquatico verso la costa Sud ora dove si trova Marina d parecchi ed insieme sarebbe stato una cosa eccezionale
    La piazza noi in un certo senso l abbiamo già da tanti anni
    Si sarebbe potuto sfruttare la vicinanza di Piazza della Concordia con piazza Mazzini pedonalizzate entrambe e con il traffico veicolare fatto convogliare sotto un tunnel costruito tra le due piazze
    La Concord non doveva essere abbattuta ma bensì restaurata e alla interno un piccolo museo del mare

  4. x Minoliti, veramente l’intelligenza c’è già chi l’ha piegata e plagiata durante il ventennio, sta a Napoli, ma soprattutto, purtroppo, a Salerno.

  5. La classifica è fine a se stessa essere 90° o 100° non cambia di molto.

    La sorpresa è trovare Isernia al 4° posto, questo è il dato che và analizzato…
    Per anni la provincia di Isernia è andata man mano spopolandosi ed ha visto la chiusura di molte attività commerciali, ora stà rivivendo un boom di ripresa dovuta soprattutto all’aumento della domanda dei residenti.
    Viceversa Salerno (così come moltre altre città del Sud) hanno registrato l’apertura di Ultra Mega Store, Outlet e quant’altro, che hanno distrutto la microimpresa.
    Per non parlare della fuga all’estero di moltre industrie che permettevano di alimentare un’indotto enorme di imprese micro e piccole.

    Siamo come dei malati terminali e ci arrabbiamo se al paziente del letto di fianco (Napoli) hanno dato un giorno in più di vita senza preoccuparci dell’imminente morte di entrambi.

  6. Se non vado errato il sig. Celano è stato per anni presidente di EcoAmbienteSalerno SpA . Ha favorito la creazione di nuove aziende nell’indotto?
    Attendiamo risposta!!!!!

  7. Le classifiche sono come le montagne russe,oggi scendi domani sali,il problema è secondo me legato al fatto che non si può solo puntare su turismo e commercio ma anche sull’ industria; visto che di capannoni vuoti ce ne sono tanti, si potrebbe semmai azzerare l’ ici sui capannoni attivi e aumentare di molto la tassazione sui capannoni abbandonati.

  8. Fare impresa a Salerno e costosissimo,una burocrazia parassitaria ancorata al grigiore del sistema d’impresa statale.Salerno!!! Comune dove si pagano le tasse più alte d’Italia.Meglio investire in paesi emergenti dell’est sono più sensibili al capitale privato,spostare la ricchezza del lavoro nei paesi dell’est vuol dire impoverire Salerno dove prevale la mentalità del campare.”tanto ci assiste lo stato”
    Comunismo strisciante.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.