Musei, Renzi incontra direttori e scherza con quello di Paestum: “Lei ci rottamerà tutti”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Zuchtriegel_direttore_paestumSono venti i nuovi superdirettori dei Musei italiani, presentati alla stampa in pompa magna presenti non solo il ministro Franceschini ma il presidente del consiglio Matteo Renzi. Che ha parlato di una rivoluzione pur rendendo omaggio ai grandi professionisti ha detto che li hanno preceduti: “Esiste una priorità oggi nella gestione museale: riuscire ad affermare un modello di museo che sia un po’ più vicino al mondo occidentale, anglosassone non solo francese, e un po’ meno all’idea tradizione del museo italiano”. La cultura “è la nostra grande sfida, per il nostro governo una priorità” ha detto Matteo Renzi ai venti neo direttori dei musei statali al top, quelli che la riforma varata un anno fa dal governo ha reso autonomi. La diplomazia del ministero li ha schierati su due file di poltrone verdi, al centro ministro e premier, per il primo incontro corale con la stampa, che arriva dopo un’intera giornata trascorsa ‘a scuola di riforma’.

Renzi sorride, stringe mani, cerca per una battuta il più giovane del gruppo, Gabriel Zuchtriegel (34 anni), che guiderà il Parco Archeologico di Paestum, saluta Eva Degl’Innocenti chiamata a dirigere il Museo Archeologico di Taranto, si ferma un attimo con Eike Schmidt, chiamato agli Uffizi, lancia a tutti il suo in bocca al lupo. Poi prende la parola per sottolineare che la scelta di cambiare pelle ai musei è un po’ anche sua, condivisa dal governo, che vuole “affermare un modello di museo più vicino a quello anglosassone”, perché il mondo è cambiato e sono cambiate le esigenze del pubblico, dice, “i musei dell’800 e del primo ‘900 si rivolgevano ad élite selezionate di persone”, un pubblico super colto che non aveva bisogno di intermediari.

Oggi “è diverso”, “il museo è esperienza, l’opera d’arte deve darti qualcosa, il museo deve essere più efficiente, più capace di innovazione, i 20 nuovi direttori hanno la grande responsabilità di portare i musei nella storia inquietante e insieme affascinante del futuro”. Prima di lui Franceschini aveva difeso a spada tratta la sua riforma. “Ci stiamo adeguando con ritardo alle linee guida indicate dalla associazione internazionale dei musei, ma lo stiamo facendo con una marcia in più che ci fa superare molti altri.

E’ la prima volta che un Paese fa una selezione pubblica internazionale per trovare i direttori dei suoi musei”, aveva sottolineato il ministro. E le nomine “sono l’ultimo passo di un percorso di cambiamento e innovazione profonda cominciato da tempo. Un passo del cambiamento del Paese – faceva notare ricordando le polemiche di ferragosto – ora lavoreremo come una squadra, autonomia dei musei non significa rinunciare a lavorare come sistema”. Il tempo stringe, le domande sono contingentate, al premier chiedono se continua a considerare le soprintendenze un freno allo sviluppo del Paese, come disse da sindaco. Lui non si sottrae, sottolinea “la qualità delle persone”, “ma sulla lentezza delle procedure non ho cambiato idea, tant’è che abbiamo fatto la riforma”.

GUARDA IL VIDEO DI ASKANEWS

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.