Rai: De Luca, da RaiTre atti di camorrismo giornalistico

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
28
Stampa
vincenzo_de_luca_nerovosoIl Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha sferrato un duro attacco alla terza rete della Rai  in un passaggio dell’intervento fatto oggi alla Festa di Scelta Civica, a Salerno. “Sapete – ha detto De Luca parlando della sua vicenda giudiziaria e delle condizioni normative nelle quali opera in Italia un amministratore pubblico – che io sono stato condannato in primo grado.

Lo dico perché tanti giornali, tante televisioni, in particolare i miei amici della Terza Rete Rai che, come ho detto, è la più grande fabbrica di depressione al mondo…RaiTre, dicono puttanate incredibili. Voi vi sintonizzate su Rai Tre e avrete atti di camorrismo giornalistico, di aggressioni personali, di imbecillità. Ma tutto non ingenuo, tutto parte delle lobby radical chic del nostro Paese”.

De Luca ha poi ripreso a parlare delle condizioni normative nelle quali operano gli amministratori pubblici e ha ricordato di essere “stato condannato per aver usato l’espressione project manager”. “Un conto – ha detto – è buttare fuori dalla pubblica amministrazione i ladri. Per me possiamo dare l’ergastolo ai ladri. Un altro conto è il rispetto dovuto a quei dirigenti pubblici che si assumono la responsabilità di mettere una firma. Altrimenti – ha detto – l’Italia è perduta. In queste condizioni normative vi posso garantire che non c’è nessun funzionario pubblico che firmerà una variante urbanistica, che rilascerà un permesso a costruire di un qualche rilievo. Ma chi volete che metta a rischio la propria famiglia prendendosi una condanna per abuso di ufficio, per un’imbecillità?”.

“Contesto il camorrismo giornalistico, un atteggiamento mentale, d’essere, operare contro la persona”, ha affermato De Luca successivamente in una dichiarazione diffusa dal suo ufficio stampa. “Ci sono campagne mediatiche – ha aggiunto – che puntano a distruggere la dignità della persona, della sua famiglia senza alcun riguardo per l’analisi dei fatti e la sacrosanta ricerca della verità.

Si viola la Costituzione definendo, ad esempio, qualcuno condannato in assenza di una sentenza definitiva o considerando un criminale chi apre un cantiere. Oppure da un’intervista di 30 minuti si estrapolano solo trenta secondi strumentalmente”. “Io – ha affermato de Luca – sono orgoglioso del mio lavoro, non ho padrini, né padroni e non accetto l’idea che ci sia una categoria o un lavoro che non possa esser criticato a prescindere.

Nessuna generalizzazione. Rispetto i giornalisti come Biagi, Montanelli, Ronchey e tutti coloro che parlano un linguaggio anche duro ma di verità. Ho il diritto di criticare chi, privo di argomenti, spara titoloni distruggendo la dignità della persona. Sono come i gestori di un pub che per attirare clientela sparano musica a tutto volume”.

“Non hanno alcuna giustificazione gli strali lanciati da Vincenzo De Lucs contro Rai 3, Report e ‘Il fatto'”. Lo dichiara Vinicio Peluffo, capogruppo Pd in Commissione Vigilanza Rai. “È’ inaccettabile – continua Peluffo – definire Rai 3 ‘la più grande fabbrica di depressione’, la ‘lobby radical chic del Paese che compie atti di camorrismo giornalistico, attacchi personali, atti di imbecillità, ma non ingenua’”.

“De Luca si scusi e si attenga al proprio ruolo istituzionale anziché infangare il lavoro di un’intera rete del servizio pubblico. Al direttore Andrea Vianello va la mia personale solidarietà per le offese di cui è stata oggetto l’esperienza professionale collettiva di Rai 3”, conclude Vinicio Peluffo.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

28 COMMENTI

  1. La colpa non è di questo invasato con il cappello di Napoleone,da rinchiudere in un manicomio criminale,in pieno delirio di onnipotenza,ma del popolino ignorante salernitano,che per lavori nelle municipalizzate fallite, e quattro lucine cinesi,ha assistito passivamente alle mille incompiute, alle mille inaugurazione farlocche,al dissesto di questo cesso di città invivibile e incivile con una qualità della vita certificata, da terzo mondo.De luca è un inno all’illegalità e spero , a nome dei salernitani onesti,che la giustizia divina faccia il suo corso

  2. Roberto Iacona ha documentato il vero, forse al presidente da fastidio che una nazione conosca cosa ha fatto e quale sia il modello Salerno?
    E Iacona si è limitato a indagare sul Crescent, sulle liste che gli hanno concesso di vincere, pensa se documentava il ventennio e i suoi effetti reali su Salerno, cosa faceva emerito, prendeva il bazooka e faceva fuoco su Rai 3?
    Ora si è limitato a sputare veleno, diceva una pubblicità del vecchio carosello, su De Rica non si può! Come si è permesso Iacona di fare un reportage sul magnifico, magico De Luca?
    Grande Icona!

  3. Rai3 e RaiNews24 sono i canali che più operano distorsioni dei fatti a favore del padrone di turno.
    Scandaloso ciò che hanno raccontato dalla Libia nel 2011 e ciò che stanno raccontando attualmente dall’Ucraina o dalla Grecia. Al di là dei fatti locali.

  4. Ovviamente tutti quelli che denunciano i fatti sono camoristi. Si è colpevoli di Lesa Maestà, anche il Corriere della Sera che ha fatto un servizio sulle opere portate ha compimento da De Luca.

  5. De Luca riesce a parlare sempre e solo ad una platea di clienti e sempre senza contraddittorio. Anche in campagna elettorale non ha mai partecipato ad un dibattito pubblico ma sempre da solo e con giornalisti addomesticati. Comunque in Italia c’è l’istituto della querela. Chissà perchè De Luca strepita e accusa ma non querela mai.

  6. Ovviamente in QUESTA nazione i mezzi di informazione “tutti” dicono solo il vero in special modo la rai con commissioni vicecommissioni amici e parenti delle delle commissioni ,non e’ vero che (appunto perche’ politicizzata) fanno attacchi un po’ per parte destra e sinistra a seconda del caso al “FASTIDIOSO” (per loro) del momento come pure FANNO i SANTI . Dal modello MEDIASET hanno appreso molto in questo senso la tv ,secondo questa gente, e’ l’unica verita sopra ogni cosa finanche dei tribunali e delle istituzioni che se vogliono un po’ di benevolenza devono pagare dazio………….siamo tanti teledipendenti illusi di poter scegliere e decidere autonomamente!!!!!!

  7. Non c’è niente da fare,rassegnatevi una buona volta,più veleno gli buttate addosso e lui più vince :infatti il 70% dei salernitani che lavora nelle municipalizzate. che ormai contano circa 60.000 dipendenti,lo vota.Intanto,avendo vinto anche in campania( A Napoli si contano decina di migliaia di voti),Io credo che nelle municipalizzate ormai ci lavorino circa 100.000 persone.

  8. Chi è abituato ad essere osannato ed adulato, mal sopporta le critiche. Eppure il Governatore De Luca dovrebbe sapere che in Italia vige ancora la democrazia e la libertà di stampa e di opinione. Se ritiene di essere nel giusto, si difenda nel merito delle questioni. I mezzi di informazione hanno il diritto – dovere di informare. Se dovessero limitarsi ad incensare il potente di turno, la loro funzione ne verrebbe completamente snaturata. No, caro Governatore, l’Italia non ha bisogno di un giornalismo alla Vespa. Proprio no. E la gente è stufa di queste pretese, come è stufa di politici che non hanno compreso che la feudalità in Italia è stata abolita da tempo e che il potere non si tramanda di padre in figlio… o, almeno, così dovrebbe essere. Infine, a proposito della Costituzione, il Governatore De Luca eviti di citarla a sproposito perché proprio il suo partito, il PD, la sta letteralmente smantellando.

  9. I giornalisti hanno la libertà di scrivere ciò che vogliono. Io ho la libertà di rimarcare che spesso (troppo spesso, assai proprio…) o scrivono puttanate a gratis, o scrivono dietro un preciso disegno. Humprey Bogart diceva : è la stampa bellezza! Io dico che condivido il pensiero di De Luca: è la democrazia, bellezza! Troppi moralisti ciucci in giro: andate a portare le pizze….strz!

  10. Ma invocate la democrazia! e allora penso che una persona attaccata abbia diritto di avere un contraddittorio, questa è democrazia, non è democrazia quando si è costretti a subire attacchi senza la possibilità di replica. Basta solo questo a squalificare queste trasmissioni condotte da personaggi STRAPAGATI e che hanno un solo obbiettivo da raggiungere: l’audience. Democrazia è rispettare il volere del popolo che si è espresso attraverso LIBERE elezioni. Democrazia è rispettare le decisioni della magistratura e le norme costituzionali e legislative.

  11. Caro Sandro i mezzi di informazione hanno il diritto – dovere di informare IN MODO CORRETTO SENZA DIRE INESATTEZZE E BUGIE !!! Non è la prima volta che si verifica questa cosa da parte di rai tre anche su altri argomenti………

  12. PELUFFO NON SAI NIENTE DI SALERNO DELLA CAMPANIA DI DELUCA PERCHE QUANDO IACONA MANDA IN GIRO I SUOI SCAGNOZZI E INTERVISTA SOLO CERTI PERSONAGGI SENZA CONTTRADDITTORIO Si FA SOLO BIECA, BECERA, INUTILE DEMAGOGIA CHE NON SERVE NE ALLA VERITA STORICA NE A QUELlA GIURIDICA PERTANTO PRIMA DI PONTIFICARE SENZA SAPERE DOCUMENTATI CIUCCIO ISTITUZIONALE, SENZA OFFESA OVVIAMENTE, PER RITA MAAOLOX A GOGOGO

  13. Caro Luciano, non a caso ho scritto: “Se ritiene di essere nel giusto, si difenda nel merito delle questioni”.
    Ovvio che a De Luca deve essere concesso diritto di replica e, se egli o i suoi legali ne ravvisassero i presupposti, nulla osta che si possa sporgere querela nei confronti del mezzo di informazione da cui ci si ritenga lesi.
    Questo è l’iter corretto cui De Luca dovrebbe informarsi, anche nel rispetto della rilevante carica istituzionale che è chiamato ad esercitare.
    Una cosa mi pare lapalissiana: l’immagine della Campania ne sta uscendo fortemente lesa e, su tutti, questo mi pare il dato più preoccupante. Si rifletta anche su questo. Saluti.

  14. Ecco che quando si parla di De Luca arriva il suo commento da affannata mentale…ripigliati che ti spappola il fegato!

  15. Il regime questo, il regime quell’altro, filoquesto, filoquest’altro, camorra questo, mafia quest’altro ecc.
    L’unico obbiettivo è orientare l’opinione pubblica dove vuole l’unico vero regime “sovranazionale”. Sono dei venduti politicamente schierati e ci dispiace per il nome che porta il direttore

    Non me gusta

    VDL ha ragione

  16. Pensa mo che vende le municipalizzate (ha iniziato con la centrale del latte) perderà sicuramente il milione di voti che ha preso. Rassegnatevi vincenzino è na forza…. punto

  17. Su questo sito la stessa gente che parla male dell’informazione e del giornalismo italiano asservito alla politica quando si tratta di parlare male di De Luca lo osanna come la verità assoluta. Fatevi un esame di coscienza.

  18. I Salernitani si sono espressi per 20 anni. Quando vincerà Berlusconi, Miss Palestre, tre stelle e 2 lumini, faranno quello che sapranno fare. Ma studino. Perché li conosciamo. Basso livello culturale, scarso senso delle istituzioni, collusi con la camorra . Da Napoli a Scafati, da Casandrino a Varcaturo etc etc etc. Se De Luca sará condannato da una sola di queste infamie, beh ne parliamo. Altrimenti parliamo di chi ama o nn ama il Crescent. Per me è bellissimo. È questo per migliaia di persone che conosco. Ma se nn comfosse il Crescent ci sarebbe il Parco Pinocchio ( questo vi piace o no??..) il Parco del Mercatello e la Villa Comunale ( bella no?) i giardini della Minerva ( ne sapevate l’esistenza , trogloditi che nn siete altro??) il Galiziano e la spiaggia di S. Teresa ( attenzione a parlarne male perché perdete voti eh… Ai cittadini del centro storico piace moltissimo, ve lo garantisco) . Bella la città di Chipperfield quasi terminata, utile la metro ( io e tre colleghi la prendiamo tutte le mattina, andata e ritorno) meraviglioso il porto di Calatrava. Nn male il numero dei teatri aperti, dal Verdi al delle arti, passando per l’arbo stella , ricordando ai concittadini il bellissimo progetto pressocchè esecutivo dell’ex Diana. Meraviglioso l’idea di intestare a P.P.Pasolini …il progetto. Come quello intestato a Ghirelli…. Allora…… Parlate di quello che pensate di fare voi. Se sarete eletti. Ed in quel caso io cambierò citta perché fascisti e qualunquisti mi danno NOIA. Saludos. E conservatevi questo post. Perché chi dovesse avere onestà intellettuale dovrebbe ricordarlo. Saludos

  19. Il fascista condannato per quattro lucine cinesi da proporre al popolino ignorante cafone salernitano .Il condannato si prepari ad nuovo processo poiché la svendita fatta per salvare il comune dal fallimento ,Messa a bilancio il 31 dicembre è stata fatta ,senza presentare il certificato antimafia da parte dell’acquirente.

  20. Popolino ignorante cafone a me nn si può proprio dire . Se pubblica i suoi dati io La denunzio immediatamente.

  21. Lei è in ottima compagnia, non si preoccupi. Ma non si affanni troppo a rispondere a sti 3-4 ciucci….non la meritano! Condivido in pieno il passaggio su fascisti e qualunquisti: esseri inutili quanto nocivi.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.