Protezione animali: operazioni in tutto il salernitano dell’Enpa Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
ENPAUn fine settimana impegnativo quello che ha visto impegnate, su più fronti, le guardie dell’Enpa di Salerno. Venerdì sera sono stati liberati 4 chirotteri, appartenenti alla specie Pipistrelluskuhlii, riabilitati dalle guardie Enpa in collaborazione stretta con l’associazione Tutela Pipistrelli con sede a Roma. Importanti questi risultati, ottenuti con molto sforzo e impegno e grazie alla collaborazione di cittadini coscienziosi che, imbattutisi per caso in piccoli o esemplari di pipistrelli in difficoltà, li hanno consegnati tempestivamente nelle mani di chi potesse accudirli.
A Maiori invece un piccolo di cinghiale era caduto inavvertitamente in un canale, rimasto intrappolato, senza possibilità di risalire, per giorni è stato, senza non poche difficoltà, tratto in salvo dalle guardie Enpa. Anche in questo caso, numerose le segnalazioni, segno evidente della crescente sensibilità della popolazione nei confronti degli animali. Il piccolo di cinghiale è stato portato presso un ambulatorio veterinario, sottoposto ai controlli di rito gli è stata riscontrata una bronchite. Sarà curato prima di poter essere rimesso in libertà.
Durante i controlli di domenica nella riserva del Fiume Sele e Tanagro sono stati fermati tre cacciatori intenti ad esercitare l’attività venatoria in piena area protetta, cioè entro i 150 metri di distanza dalle sponde fluviali che delimitano i confini della Riserva. L’operazione è poi continuata presso la caserma dei carabinieri di Borgo Carillia. Sono stati sequestrati tre fucili. La Riserva Foce-Sele-Tanagro è probabilmente uno degli ambienti naturali più importanti dal punto di vista naturalistico dell’intera Provincia di Salerno.
L’attività è stata avviata in seguito alle numerose richieste di intervento di cittadini che amano la tutela dell’ambiente naturale, soprattutto quello fluviale, per la ricchezza di avifauna protetta, che soprattutto in questo periodo è solita migrare lungo il corridoio fluviale tracciato dai fiumi Sele, Tanagro e Calore Salernitano. Infatti, a differenza di quello che molti credono, la Riserva comprende l’intero corso dei fiumi Sele e Tanagro e parte del Calore Salernitano, cioè il tratto che non rientra nel Parco Nazionale del Cilento.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.