Da oggi via al blocco prestazioni sanitarie, scoppia rabbia pensionati salernitani

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
ticket_sanitari“A tutto questo marasma nella sanità si aggiungono i recenti procedimenti del Governo Renzi, che limiteranno fortemente le prestazioni sanitarie. Per cui bisogna prima ammalarsi e poi fare gli accertamenti.

Viene meno dunque il concetto del “prevenire meglio del curare”, penalizzando ancora una volta le fasce più deboli della popolazione e soprattutto gli anziani che hanno maggiormente bisogno di accertamenti per curare le loro patologie. Si continua per l’ennesima volta in quel processo di rottamazione degli anziani che sembra la costante delle scelte di questo governo. Quando bisogna tagliare i pensionati e gli anziani sono la categoria prescelta per fare cassa e imporre sacrifici e privazioni”.

Questa la denuncia di Giovanni Dell’Isola, segretario generale della Cisl Pensionati di Salerno che lancia un nuovo appello sulla questione dell’assistenza presso i centri convenzionati con l’Azienda sanitaria locale, che dal nuovo governo regionale sembrava essere scongiurato ma che, puntuale, è ritornata a essere una mannaia soprattutto per gli anziani. “Da oggi si fermerà tutto il comparto sanitario e non abbiamo ricevuto ancora risposte dalla politica”, ha detto Dell’Isola. “Il presidente della Regione, Vincenzo De Luca, scenda in campo per evitare la paralisi che costringerà i pensionati a decidere se mangiare e curarsi.

Pensavamo che il periodo più difficile per la sanità nella nostra Campania fosse ormai alle spalle e invece, anche quest’anno come in passato, si sono esauriti i fondi per l’assistenza specialistica ambulatoriale presso le strutture sanitarie private convenzionate. Cambiano le amministrazioni dell’ente di Palazzo Santa Lucia, ma la storia resta sempre la stessa”. Dalla prima domenica di ottobre, infatti, è stata disposta la sospensione i servizi a più ampia fruizione come radiografie, ecografie, ecodoppler, tac e le classiche analisi di laboratorio.

“In questo modo – ha sottolineato Dell’Isola – si continua a trascurare il reale fabbisogno di prestazioni sanitarie da parte dell’utenza e soprattutto delle fasce piùdeboli, come i malati cronici, i pensionati e i non autosufficienti. Adesso gli anziani dovranno decidere se fare la spesa o curarsi. Anche quest’anno purtroppo le risorse previste si sono rivelate notevolmente inferiori rispetto all’effettivo fabbisogno necessario a garantire i livelli essenziali dell’assistenza sanitaria in Campania. E a farne le spese saranno soprattutto i più deboli e soprattutto gli anziani e i non autosufficienti, che da tempo sono protagonisti di un vero e proprio processo di rottamazione. Per questo ci appelliamo al nuovo governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, perché intervenga a scongiurare una simile evenienza, come da impegni in campagna elettorale”.

Lo scorso anno, i pensionati della Cisl, insieme a quelli di Cgil e Uil, hanno discusso della questione a Roma in occasione della mobilitazione nazionale‘#Nonstiamosereni’ tenutasi il 5 novembre. “In quell’occasione chiedemmo al Governo – ha concluso Dell’Isola – più sviluppo e occupazione per i giovani, figli e nipoti, per un welfare pubblico e solidale, per una legge sulla non autosufficienza, per tutelare il reddito da pensione ed estendere, anche ai pensionati, la riduzione delle tasse. Anche il gruppo della provincia di Salerno, con una folta delegazione, parteciparono alla giornata di protesta. Promesse che però, nonostante i proclami degli ultimi mesi  non si sono minimamente concretizzati. Rischiamo, come sempre, la rottamazione”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.