Cani avvelenati al rione Paterno, su facebook denunce e segnalazioni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Cani_randagiBocconi di carne avvelenati per uccidere i cani che girano in via Pio XI e al rione Paterno nel comune di Eboli. A denunciare il caso una giovane studentessa di Eboli che ha acceso i riflettori su questa brutta storia utilizzando Facebook. Il suo cane è rimasto avvelenato da una di queste “esche letali” salvato appena in tempo dal veterinario è scattato l’allarme per quello che non pare essere un episodio isolato. Tante le segnalazioni di cani trovati morti in strada e senza segni di violenze o altro. Ecco che la preoccupazione per un “killer seriale dei cani” è molto forte.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.