Ruggi: gli assenteisti vogliono tornare al lavoro. Viggiani pronto a querelare la Rai

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
11
Stampa
assenteismo_spiaggia_salernoIl manager dell’Azienda Ospedaliera San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona Vincenzo Viggiani sarebbe pronto a querelare gli autori de “L’Arena”, programma di Rai Uno  condotto da Massimo Giletti e che domenica scorsa ha affrontato il caso degli assenteisti scoperti al “Ruggi”. Secondo Viggiani gli sarebbero state attribuite frasi non corrispondenti al vero ed estrapolate da contesti molto più ampi. «Non ho mai pronunciato frasi che neanche lontanamente giustificano l’assenteismo» – ha detto Viggiani al quotidiano La Città oggi in edicola.

Intanto vogliono tornare a lavoro i dieci dipendenti del “Ruggi” sospesi dopo l’inchiesta sull’assenteismo all’Ospedale di Salerno. Al Tribunale del Riesame sono state depositate le prime istanze con cui i difensori chiedono di annullare l’ordinanza cautelare e di consentire agli indagati il rientro al loro posto di lavoro.

Tra le curiosità si scopre che uno dei sospesi, che ora precepisce una minima indennità, a febbraio aveva percepito un salario accessorio lordo di soli 78 euro, ne ha incassati a marzo ben 4.668, che si aggiungono ai 3.097 euro della retribuzione mensile per le mansioni di “collaboratore professionale sanitario esperto infermiere”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

11 COMMENTI

  1. Licenziamento immediato anche per Viaggiani , Responsabile di tutto ciò’.Vuole querelare la RAI , ma non si vergogna di essere a capo di un gruppo che non funziona per niente. E poi e’ cosi’ chiara la situazione, quando sono costretti a intervenire i militari vuol dire che chi dirige non e’ CAPACE.A CASAaaaaaaaa.

  2. Carissimo Viggiani ,invece di pensare di querelare la Rai,inizia a controllare i fannulloni dei tuoi dipendenti,pagati con i nostri soldi,poi se ti rimane un po di tempo fai anche una querela,nel frattempo però licenzia questi 10parassiti che hanno anche il coraggio di difendersi dall’ indifendibile.In Italia se non si inizia con i licenziamenti coatti,il problema parassitismo nella pubblica amministrazione non si risolverà mai

  3. Tutti a casa i lavativi scommetto che prima di essere scoperti se ne vantavano pure del fatto che rubavano lo stipendio alla collettività.
    io credo che debbano pagare anche penalmente visto che sono dei LADRI.

  4. si permettono anche di fare sciopero, guidati da sindacati disonesti che vivono alle spalle dei lavoratori, guadagnano troppo i dipendenti delle asl, RIDURRE GLI STIPENDI – LICENZIARE I FANNULLONI – ARRESTARE GLI ASSENTEISTI – SERVIRE BENE I CITTADINI ( che sono i loro datori di lavoro) questi devono essere i concetti base per i lavoratori pubblici

  5. non c’è stato un solo giornalista che abbia sottolineato che tra questi 10 ci sono anche persone che MAI si sono assentate e hanno SEMPRE svolto il proprio lavoro, ma hanno una sola accusa:aver timbrato cartellini a colleghi che…stavano per arrivare e mai arrivavano!!
    ben vengano le indagini, ma a monte di un sistema, non a valle

  6. \”aver timbrato cartellini a colleghi che…stavano per arrivare e mai arrivavano!!\”….ma fatemi il piacere!!!! oggi lo faccio per te e domani lo fai per me, altro che palle!!!!!!!!

  7. e chi caxx cia fatt fa????
    mo so caxxi sua…anzi io direi, altro che sospesi da lavoro, a calci in culo a raccogliere i pomodori sotto il sole cocente….sti lavativi di merda….la gente muore di fame e voi a coprire quei quattro coglioni che non hanno voglia di fare un caxxo….siete colpevoli quanto loro e dovete pagare….NULLAFACENTI….

  8. Non riesco a capire.Chiedono di tornare a lavorare.che bella faccia tosta.Ma in che modo vogliono lavorare?Certo, vogliono lavorare a modo loro , lavorando senza lavorare?Cioè continuando a fare gli assenteisti a spese della comunità, alla faccia di chi fa il proprio dovere,e dei tanti giovani preparati che vorrebbero veramente lavorare ,e non per finta.Fosse per me ,pesanti sanzioni,arresto,e licenziamento.

  9. Quindi timbrare il cartellino di un collega o più colleghi è lecito ?
    Se pure hai fatto e fai senpre il tuo dovere, timbrare il cartellino di uno o più colleghi, ti rende complice di truffa.
    In tutto questo, chi va punito non è solo il truffatore ma anche i diretti responsabili dei reparti dove questi Sigg.ri operavano.
    Non si sono mai chiesti dove erano ? Non li hanno mai cercati ?
    L’assenza di questi soggetti sicuramente sono parte in causa dei ritardi nelle prestazioni sanitarie, ecco spiegato perchè per fare esami e visiote al nosocomio cittadino ci volevano mesi e mesi.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.