Legge Severino è costituzionale, ricorso infondato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
40
Stampa
De_Luca_e_De_Magistris

 Il “ricorso de Magistris” non passa la prova della Corte Costituzionale: i giudici lo hanno respinto come infondato, dichiarando legittima la legge Severino. La Consulta ha infatti deciso che la questione sollevata sulla norma che prevede la sospensione dalla carica per 18 mesi per gli amministratori locali colpiti da condanne penali, anche non definitive, per determinati reati – a cominciare da quelli contro la pubblica amministrazione – non è fondata.

E, accogliendo le richieste dell’avvocatura dello Stato, non si è limitata a dichiararla inammissibile. Avrebbe potuto farlo, forte della pronuncia assunta dalle Sezioni unite della Cassazione, che a maggio avevano decretato che non spetta al giudice amministrativo, ma a quello ordinario decidere sull’applicazione della legge Severino. Un indirizzo, tra l’altro, pienamente confermato oggi dalla Suprema Corte. Quindi, sarebbe stato semplice per la Consulta bocciare come inammissibile una questione che invece proveniva dal Tar, a cui de Magistris si era rivolto. La Corte invece ha voluto entrare nel merito.

Per capire esattamente i contenuti di questa sentenza, bisognerà attendere la sua stesura e pubblicazione. Lo stesso de Magistris aspetta a commentare, anche se spera in “un’interpretativa di rigetto”, relativa cioè solo ad aspetti formali. Si vedrà. Ma, ad oggi, sembra di poter dire che le istanze su cui hanno fatto leva i suoi legali, Giuseppe Russo e Lelio della Pietra, abbiano incontrato un ostacolo netto. Sia per quanto riguarda la definizione della sospensione, sia per il nodo della retroattività. I legali, infatti, hanno sostenuto che la sospensione dalla carica è nei fatti una sanzione, perché “sanzione non è semplicemente ciò che il legislatore individua come tale, ma ciò che incide in modo afflittivo sulla sfera giuridica dell’individuo”.

E per questo, come una sanzione penale, non si può applicare retroattivamente a chi, come “de Magistris è diventato sindaco quando la legge Severino non esisteva ancora”. Un’impostazione che però non ha retto. “Non ci sono spazi per trovare profili di incostituzionalità della norma”, avevano detto detto in udienza gli avvocati dello Stato Gabriella Palmieri e Agnese Soldani. E in effetti questa linea si è imposta. Tanto che subito dopo la decisione, il costituzionalista Stefano Ceccanti – che da parlamentare fu anche relatore della legge Severino – parla di “decisione prevedibile”. E l’avvocato Gianluigi Pellegrino, che difende il Movimento difesa del cittadino contro De Luca e De Magistris, afferma che la Consulta “ha richiamato l’abc della Costituzione”.

Potenzialmente, quindi, ora de Magistris potrebbe essere sospeso. E la decisione della Corte apre, teoricamente, la stessa ipotesi anche per il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, anche lui condannato in primo grado per abuso d’ufficio nell’ambito di un procedimento sul termovalorizzatore di Salerno. Ma nei fatti le cose sono più articolate. Per de Magistris è in calendario domani l’udienza del processo d’appello per il caso Why Not: in primo grado fu condannato per abuso d’ufficio per aver acquisito in modo illegittimo di alcuni tabulati telefonici.

E venerdì c’è poi l’udienza del tribunale civile proprio sulla sospensione. Sarà quindi decisivo capire cosa succede sul fronte del processo penale: se domani arriverà una decisione, potrebbe essere ribaltata la sentenza di primo grado oppure potrebbe essere dichiarata la prescrizione del reato. In entrambi i casi, cade la sospensione dalla carica di sindaco.

A far la differenza, quindi, sarà la tempistica di questi procedimenti tra loro intrecciati. Quanto a De Luca, sulla carta la sua sospensione appare ora più probabile, ma in concreto il tribunale civile ha sollevato questione di costituzionalità su diversi aspetti della legge Severino, in parte diversi da quelli sollevati da de Magistris. E in serata la Regione Campania ha tenuto ad evidenziare che la decisione di oggi della Corte Costituzionale non ha alcun rilievo giuridico per il presidente De Luca. “ben più numerosi e di diverso spessore giuridico – ha osservato – i rilievi di costituzionalità che la Corte sarà chiamata a valutare”. La causa deve ancora essere fissata. E nel frattempo il governatore resta in carica.

Intanto in un twitt l’ex Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro ha così cinguettato sulla decisione della Consulta: «Ora vuoto e caos istituzionale per Comune Napoli e Regione Campania. Cattiva politica penalizza i cittadini»

Sulla vicenda si registrano anche le reazioni degli esponenti del Movimento 5 Stelle. Il primo a commentare è il parlamentare salernitano Mimmo Pisano che dice: “De Luca a casa e la Campania al voto”. Gli fa eco il senatore pentastellato Andrea Cioffi: “La Severino è ok ora De Luca va a casa. I cittadini campani non meritano questo. Il putto fiorentino, Segretario del PD, l’ha voluto come governatore e la responsabilità è tutta sua. Questo è il Partito Democratico”.

consiglio_regione_campania_giuntaLA NOTA DELLA REGIONE CAMPANIA. La decisione della Corte Costituzionale, che ha ritenuto infondato un unico dubbio di costituzionalità sollevato a suo tempo dal TAR Campania nella vicenda De Magistris, non ha alcun rilievo giuridico per il Presidente De Luca. Sono ben più numerosi e di diverso spessore giuridico i rilievi di costituzionalità che la Corte sarà chiamata a valutare su remissione del Tribunale civile di Napoli nella diversa vicenda riguardante il Presidente della Regione Campania. È penoso e propagandistico il tentativo di fare confusione fra le due distinte vicende. Sono ben numerosi i dubbi di costituzionalità della legge Severino e la decisione odierna ne ha ritenuto infondato solo uno, peraltro non fra i più rilevanti.  Fino alla pronuncia della Corte costituzionale sul suo specifico caso ( allo stato si è ancora in attesa della fissazione dell’udienza) il Presidente De Luca continuerà ad esercitare regolarmente e legittimamente le sue funzioni.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

40 COMMENTI

  1. Unicredit, i Ros: “Fu raggirata da Palenzona” ”La Republica”

    Bankitalia, Visco indagato per la vicenda Popolare di Spoleto

    Severino, la Consulta: “Norma legittima, no al ricorso di de Magistris”

    Italia il paese della vergogna, poi i vigili di salerno vanno a togliere le coperte a barboni, ma vergognatevi.

  2. Unicredit, i Ros: \”Fu raggirata da Palenzona\” \’\’La Republica\’\’

    Bankitalia, Visco indagato per la vicenda Popolare di Spoleto

    Severino, la Consulta: \”Norma legittima, no al ricorso di de Magistris\”

    Italia il paese della vergogna, poi i vigili di salerno vanno a togliere le coperte a barboni, ma vergognatevi.

  3. Pero’ diciamo anche la verita’: se il pronunciamento della Consulta fosse stato di segno opposto, i fan di De Luca avrebbero esultato anche su questo sito. D’altronde ricordo che in piu’ occasioni si era detto che la Consulta ad ottobre avrebbe scritto la parola “fine” ed accreditato definitivamente De Luca. Ora attendiamo che la Consulta si occupi del ricorso specifico di De Luca, ma la verita’ e’ che De Luca e rispettivo entourage ieri si auguravano ben altro.

  4. Sei patetico, esistono i dormitori e le mense pubbliche per i barboni pagati con i soldi di tutti i contribuenti italiani, se non vanno lì e preferiscono occupare intere panchine fanno bene i vigili ad allontanarli e a sequestrare i loro indumenti, non si tratta di fare i forti con i deboli qui è questione di mentalità gente che vuole fare i porci comodi, le regole si rispettano e quando sbagli paghi!

  5. Fulvio De Maio che tanto sbandiera De Luca si M5S no con la scusa di parlare di sport a LiraTV l’ha preso nel popò. W la giustizia divina.

  6. Il ricorso fatto da De Luca è sostanzialmente diverso da quello di De Magistris.

    De Luca contesta una disparità di trattamento tra Amministratori pubblici e Parlamentari.

    E’ evidente che questa disparità c’è, ma non credo che la Consulta possa decretare l’incostituzionalità della Severino, semplicemente perchè L’amministratore pubblico ha delege e ruoli diversi dal parlamentare, anche se entrambi ricoprono un ruolo istituzionare, gli Amministratori (lo dice il termine) amministrano la Cosa Pubblica, mentre il parlamentare è un portavoce eletto dal popolo e non può essere sospeso dalle sue funzioni in maniera preventiva.

    In ogni caso dato che come dicono alla Consulta la sospensione non è una sansione, credo che De Luca possa tranquillamente rimanere in carica anche se sospeso (magari con un vice facente funzioni).

    In fondo in Italia da decenni siamo abiutati a trovare gli “inganni” alle leggi.

    NB. ho votato De Luca perchè reputo che abbia svolto in maniera eccellente il suo mandato come Sindaco.
    Il giorno che in Campania si presenterà un candidato altrettando bravo non esiterei a votarlo – Credo che la maggiornaza dei cittadini la pensa come me, oggi il colore politico serve solo a chi già conduce i propri affari lobbistici, il cittadino medio vorrebbe solo un po’ di onestà e competenza.

  7. Bravo sono d’accordo con te anche io credo che la severino debba essere aggiustata eliminando la sospensione e restando solo la decadenza che si applica in via definitiva, anche se la sospensione non viene considerata un provvedimento punitivo ma cautelativo cosa assurda, ad ogni modo io sono d’accordo prima del voto io giudico le capacità amministrative e goveernative di un candidate e quello che ha fatto, purtroppo a Salerno c’è questo fatto per cui se sei dalla parte di De §Luca inevitabilmene sei uno che ha ricevuto favori o benefici

  8. Secondo me,non so perchè ma devi essere un gran pezzo di milf,ho questa sensazione 🙂 peccato non poterti conoscere 😉

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.