900 false assunzioni nel Salernitano, perquisite sedi Inps

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
INPSI carabinieri di Nocera Inferiore insieme al Ris di Roma, stanno eseguendo un decreto di perquisizione nella direzione  generale dell’Inps emesso dalla procura salernitana e notificando un ordine di esibizione di documenti alle direzioni regionali dell’istituto. I provvedimenti costituisco una nuova tranche di indagine dell’inchiesta sulla costituzione di false aziende nel salernitano con migliaia di falsi rapporti di lavoro per ottenere erogazioni previdenziali e assistenziali dall’Inps indebite.

L’ordine di esibizione documenti riguarda anche diverse sedi regionali dell’Inps sul territorio nazionale nell’ambito di un’inchiesta coordinata dal sostituto procuratore Roberto Lenza della Procura di Nocera Inferiore.

I militari dell’Arma stanno eseguendo una acquisizione documentale negli uffici dell’ente previdenziale per accertare eventuali responsabilita’ di funzionari Inps nell’ambito delle fasi di accertamento e verifica su aziende e imprese risultate fittizie. Al centro dell’inchiesta sarebbero finiti i benefit per 361 milioni di euro stanziati dalla Direzione generale Inps per accertamenti ed ispezioni nel biennio 2012-2013. Secondo gli inquirenti, i rimborsi per prestazioni riconosciute a funzionari non corrisponderebbero alle reali verifiche effettuate nei confronti di aziende e ditte private.

Le nuove indagini scaturiscono dall’inchiesta “Mastrolindo” che ha portato tra il 2012 e il 2013 alla esecuzione di 44 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di imprenditori accusati di aver organizzato una truffa allo Stato attraverso ditte e rapporti di lavori fittizi nel settore secondario e terziario nell’agro nocerino per ottenere indennita’ di disoccupazione, malattia e maternita’ non dovute, con un notevole danno economico per l’istituto previdenziale.

Accertate 900 assunzioni fittizie di lavoratori nel settore delle imprese di pulizia per un danno allo Stato di oltre 137 milioni di euro.Secondo quanto si apprende da fonti investigative, al momento non ci sarebbero iscrizioni nel registro degli indagati di funzionari dell’Inps. Si sta procedendo all’acquisizione di documentazioni cartacee e informatiche, perche’ dalle indagini sulla truffa sarebbe emerso uno stanziamento di benefit per verifiche e iscrizioni superiore rispetto agli anni precedenti tra il 2012 e il 2013.

PERQUISIZIONI NELLE SEDI INPS. In relazione alle notizie diffuse in mattinata riguardanti perquisizioni in corso nella sede della Direzione Generale e in altre sedi regionali dell’Inps, l’Istituto come sempre dichiara piena collaborazione con la magistratura e con le forze dell’ordine nello svolgimento delle indagini.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.