Un pensiero “ardito” ma non troppo… Province, una eutanasia work in progress (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
tony_ardito_foto_2Con la attuazione della legge Delrio, il declassamento delle Province ad ente elettivo di secondo grado, sta sortendo gli effetti di una lenta eutanasia. Il Governo, il cui iniziale intento era quello di abolirle del tutto, in breve tempo, le ha deprivate di preziose risorse, inducendole, in ogni dove, al dissesto. Proprio in queste settimane, le Regioni sono chiamate al delicatissimo compito di definirne il riordino.

Il confronto che scaturì dalle dolenti fasi avviate dall’allora presidente del Consiglio, Mario Monti, delineò due schieramenti trasversali: uno a favore e l’altro, ovviamente, contrario all’abolizione. Tanti parlamentari e rappresentanti di ogni partito, convinti della utilità e della funzione di ente cerniera che le Province svolgevano, segnatamente, tra i livelli istituzionali piccoli e medi con quelli superiori, fecero fronte comune con l’UPI (Unione Province Italiane) nel tentativo di giungere ad un provvedimento condiviso che, pur operando una sostanziale e necessaria “razionalizzazione”, le salvaguardasse. Pro o contro, alla fine di tutto, le ipotesi immaginate dagli uni e dagli altri, son state stravolte.

Dal 1993, con la introduzione della elezione diretta dei sindaci e dei presidenti delle province, non solo i comuni, ma anche queste ultime hanno ricevuto un forte impulso e potuto esercitare una azione più incisiva e pregnante per le comunità e le aree vaste rappresentate; soprattutto, per quanto concerne le competenze principali: viabilità, trasporti, edilizia scolastica, ambiente, e operando e determinando scelte strategiche per lo sviluppo sociale ed economico dei territori. Penso, ad esempio, al disegno di nuovi modelli di welfare locale ed al ruolo centrale che hanno svolto per la realizzazione di opere infrastrutturali e non solo.

Ormai, i sindaci dei comuni meno grandi, in primis, non potranno più trovare una sponda nel presidente della provincia, nell’assessore o nel consigliere, onde tentare di affrontare e porre rimedio ad una problematica, ed ottenere, almeno, attenzione. Se opportunamente introdotti ed annunciati dai propri riferimenti politici, saranno in fila, davanti alle porte di qualche potente dirigente di apparato regionale o di palazzo romano ad invocare ascolto, al fine di strappargli un sì, una firma, una autorizzazione per dar vita ad un progetto, o per avviare un cantiere.
C’è poi, una conseguenza. forse, meno evidenziata la quale riguarda il futuro delle persone che prestano servizio presso gli enti Provincia; di cui, tante operose e competenti. Già nella imminenza, una parte di esse, da ridistribuire, fra mille incertezze e con una sorta di transumanza, nelle diverse ed altre ramificazioni della pubblica amministrazione, iniziandole, quindi, a nuove mansioni.

E’ indubbio che l’azienda Italia deve, assolutamente, ottimizzare la spesa, individuare ed eliminare gli sprechi, da ricercare, anche, negli intollerabili effetti della lentezza burocratica, della mala gestio e della corruzione. Chi governa non dovrebbe, mai, trascurare, però, le primarie necessità delle comunità e, innanzitutto, che il bene dei cittadini è la prioritaria ragione per la quale si amministra la cosa pubblica. Il cittadino, ripetutamente chiamato al sacrificio e ad osservare i propri doveri, invoca e rivendica legittimi diritti e, tra questi, quello di poter fruire di un pubblico servizio più efficiente e moderno, che lo accompagni, assista e che non si riveli, invece, avverso.

editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.