Report ACI-ISTAT su incidenti stradali: nel salernitano aumentano i morti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
rallentare_incidentiBattuta d’arresto nella riduzione delle vittime della strada in Italia, mentre rallenta, ma non si ferma, il calo degli incidenti e dei feriti. Come rileva l’ultimo Rapporto ACI-ISTAT, nel 2014 rispetto al 2013 il numero dei morti sulle nostre strade è diminuito dello 0,6% a fronte di una flessione del 2,5% dei sinistri e del 2,7% dei feriti. A pesare sul dato italiano soprattutto l’incremento della mortalità stradale all’interno dei centri urbani (+5,4%), dove si concentrano il 75,5% degli incidenti e il 44,5% dei morti. I grandi Comuni che presentano il più alto indice di mortalità sulle strade urbane sono Messina (1,6 morti ogni 100 incidenti) e Catania (1,4), mentre i valori più bassi si registrano a Bari (0,3), Milano (0,4) e Genova (0,4).

“L’A.C. Salerno – dichiara il Presidente dell’ACI Salerno Giancarlo Ionta – ancor più oggi, vuole fortemente essere un’Ente al “servizio” del cittadino, che viene identificato come “utente” e fruitore della strada.  Non è più il momento di occupare spazi ma dedicare TEMPO all’ enorme  fenomeno sociale degli incidenti, con tutte le sue implicazioni anche economiche, e farlo non da spettatori indifferenti ed impassibili ma da attore protagonista ,con proposte concrete e perseguibili, condivise e concertate con tutte le Istituzioni  ed  Organi di diffusione territoriali; apriamo gli occhi per guardare e renderci conto della realtà e diamo un sussulto alle Nostre coscienze. La sfida sarà quella di affrontare, come sempre, la problematica della percorrenza in SICUREZZA sulle nostre strade e dare soluzioni, anche se ben sappiamo che non potremo mai estinguere l’incidentalità. Come ! con la cultura civica dell’utilizzo intelligente della mobilità sulle infrastrutture, con la formazione e l’informazione, per ogni individuo, dall’età della materna a quella dei longevi e di ogni categoria sociale, quindi, senza dimenticare le “fasce deboli” e gli immigrati regolarmente residenti.

Per questo motivo dall’insediamento del C.D. abbiamo intensificato il ruolo dell’A.C. Salerno quale rappresentante e tutore degli interessi degli utenti della strada, che siano Essi soci o non,  ed interlocutore qualificato con il Comune della Città e della Provincia di Salerno, con tutte le Istituzioni di riferimento, con gli Istituti di formazione scolastica di ogni ordine e grado, con le Forze dell’Ordine e di Soccorso, con Associazioni, con i Gestori delle strade e con le Case automobilistiche, sui temi della educazione stradale e della mobilità sostenibile e prudente, sicura e responsabile, per migliorarne la fruibilità coscienziosa.

L’Italia ,nel 2014,è scesa dal 13° al 15° posto nella classifica europea dell’incidentalità sulle strade aumentandone la percentuale  al 55,6% ( rispetto alla media del 51% ). Purtroppo, se poco possiamo fare come A.C. Salerno sul modificare l’attuale stato delle infrastrutture, se non una precisa ed aggiornata segnalazione, ed altrettanto sulla sicurezza dei veicoli,  molto è possibile agire sull’elemento fondamentale e più variabile della causa degli incidenti : il cittadino ; con un’attenta formazione rivolta a tutti gli utenti della strada e far loro comprendere che comportamenti, attenti e corretti certamente influiscono sulla riduzione degli incidenti, sia nella loro quantità che qualità (lesioni gravi fino alla morte).

Nel Nostro territorio cittadino e provinciale ,si è verificato una modifica del trend in decremento fino al 2013; infatti, dai dati ISTAT 2014 emerge che a fronte di una sinistrosità rimasta pressochè invariata (2267 incidenti nel 2014 rispetto a 2273 registrati nel 2014) è aumentato considerevolmente il numero dei morti ( da 58 nel 2013 a 69 nel 2014) mentre il numero dei feriti è rimasto stabile (3631 nel 2014 rispetto a 3634 nel 2013)

Dove: più incidenti sulle strade urbane (1055), più morti sulle strade provinciali e regionali (31) e sui rettilinei (2192 incidenti);

Cause: alta velocità (16,69%) distrazione (26,19%) atti scorretti ed imprudenti sulla strada (20,04%) corresponsabilità di pedoni (34,31%);

Tipologia del mezzo: autovetture (3069) veicolo pesante (274),ciclomotori (110) velocipede (110);

Quando: più incidenti il mercoledì, tra le 10 e le 13; più vittime la domenica (22), tra le 14 e le 17;

Sesso: più uomini morti (57) che donne (16);

Età: Tra i 30 ed il 54 anni.

L’A.C. Salerno si impegnerà, fornendo, ai vari Partners , tutti i dati elaborati dalla sede centrale romana, e mettendo a disposizione il proprio know-how istituzionale, a raggiungere l’obiettivo della diminuzione  degli eventi stradali”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.