Campania:indagine De Luca nata da inchiesta su clan e sanità. Indaga la Dda

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Cinema_Diana_11_De_LucaNasce da un’inchiesta dell’Antimafia di Napoli sui rapporti tra camorra, politica e gli affari nel settore della sanità in Campania l’indagine della procura di Roma che ha portato al coinvolgimento, tra gli altri, del governatore Vincenzo De Luca e di un magistrato del Tribunale civile partenopeo, il giudice Anna Scognamiglio.

L’inchiesta – condotta dai pm della Direzione distrettuale antimafia di Napoli Henry John Woodcock ed Enrica Parascandalo e dai procuratori aggiunti Filippo Beatrice e Giuseppe Borrelli – è in una fase cruciale e, in attesa degli sviluppi che potrebbero essere assai eclatanti, è coperta da uno stretto riserbo. Le indagini si fondano anche su numerose intercettazioni ambientali e telefoniche, in alcune delle quali emerse la presunta iniziativa illecita di Guglielmo Manna, avvocato con un incarico dirigenziale dell’ospedale Santobono, e marito di Anna Scognamiglio, uno dei tre giudici del collegio del Tribunale civile chiamato a pronunciarsi sul ricorso di De Luca per la sospensione degli effetti della legge Severino. Manna avrebbe prospettato una decisione sfavorevole a De Luca e avrebbe sostenuto di poter influire sulla decisione in senso positivo per il Governatore chiedendo per sé un importante incarico da parte della Regione. A essere intercettato, in quanto indagato nell’inchiesta della Dda di Napoli, sarebbe stato proprio Manna. Quando emerse il coinvolgimento di un magistrato del Tribunale di Napoli i pm trasmisero gli atti alla procura di Roma – competente a indagare sui giudici del distretto partenopeo – trattenendo il fascicolo principale.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. Premesso che se uno sbaglia deve pagare. Qui pero’ a leggere l’articolo si capisce che l’avvocato Manna e’stato intercettato. Le chiamate erano dirette con De Luca o qualche suo collaboratore stretto? non si dice. L’avvocato Manna ha efftivamente ricevuto un incarico importante alla regione? Se de Luca afferma che conosce solo la MAnna dal Cielo fa capire che non lo ha nominato a nessun incarico. Quindi qui siamo di nuovo nella situazione per cui uno parla ed autmaticamente subito si scatena l’ondata giustizialista. Fino a che non viene accertato che De Luca ha commesso un reato parliamo di aria fritta. In questo senso sarei molto preoccupato di vivere in uno Stato non di diritto ma basato solo su cose montate ad arte. Se saro’ smentito sara’ giusto che De Luca paghi. Ma basta stravolgimenti politici attuati ad arte da gente che non si rassegna al fatto che de Luca ha vinto e quindid deve governare

  2. Nell’augurarsi che tutto venga chiarito quanto prima nel bene e nel male, rimane comunque il grave errore della comunicazione istituzionale di ” liquidare” le dimissioni di Mastursi adducendo ad emerite stronzate.
    Le bugie hanno le gambe corte e non depongono certo bene alla credibilità della Presidenza della Regione.
    Un brutto colpo che da dilettanti si sono andati a cercare.

  3. Non ho nessuna simpatia particolare per De Luca, e non ho nemmeno votato per lui alle elezioni regionali. Ma questa storia non sta in piedi, e mi sembra proprio una trappola che gli è stata tesa. Naturalmente la cricca ignobile dei cialtroni balordi pentastellati ha cominciato a starnazzare senza posa. Pensano che sia il loro momento, ma ho tutta l’impressione che quando le cose si saranno chiarite questa gazzarra infame che stanno sollevando gli si ritorcerà contro.

  4. CHE INTERESSE AVEVA MASTURSI SE NON QUELLO DI FAVORIRE IL SUO \\\”padrone\\\” ? IL TALE DE LUCA SI STA USUFRUENDO DELLA SENTENZA & FA FINTA DI NON SAPERE NULLA COME SEMPRE. PUBBLICARE VENDUTI .

  5. Lei elargisce giustificazioni e autocomiserazioni,l’eterno pianto della valle di lacrime del sud Italia.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.