Terremoto in Regione Campania, in 13 minuti De Luca racconta la sua verità: “Io parte lesa”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
21
Stampa
Vincenzo_De_Luca_speciale“Io sono parte lesa in questa vicenda, io e l’istituzione che rappresento”. Esordisce così  presidente della Regione Campania,Vincenzo De Luca, nella conferenza stampa a Napoli in cui rigetta tutte le accuse a suo carico. Dura appena 13 minuti l’appuntamento con i giornalisti nel quale parla solo il Governatore senza lasciare spazio alle domande della folta platea di giornalisti.

“Io considero i controlli di legalità nel nostro Paese un bene per le persone oneste- aggiunge De Luca- Una funzione essenziale in un paese democratico. E’  un vantaggio non un fastidio. Sostengo pienamente l’azione della magistratura. Vada avanti con estremo rigore in tempi rapidi. I cittadini taliani hanno il diritto di sentirsi rappresentati da persone per bene” . Ma a preoccupare De Luca sono gli effetti collaterali come il “massacro mediatico delle persone e delle istituzioni. Un segno di barbarie nel nostro paese e un oltraggio permanente allo Stato di diritto e alla Costituzione Italiana”.

«Il problema – ha proseguito De Luca – sono gli effetti collaterali e cioè la consoilidata abitudine al massacro mediatico. Questo sta diventando oltraggio permanente allo stato di diritto. C’è qualche organo di stampa che dovrebbe chiudere. Ma questo è un grande tema che dovrà riguardare il rapporto tra diritto individuale sistema giudiziario e sistema dell’informazione sta crescendo realtà in Italia di oltraggio alla persona e perdita dei valori costituzionali. Pieno e totale sostegno alla magistratura essendo io il primo interessato che si faccia chiarezza. Io sono parte lesa in questa vicenda; io e l’istituzione che rappresento. E combatteremo chi offenderà la nostra dignità. Io non sono a conoscenza di nulla, di nulla, di nulla. Non so chi sia questo manna, che faccia o dove viva».

«Manna? (riferendosi a Guglialmo Manna, il marito del giudice Scognamiglio ndr). Mi ricorda la manna dal cielo ma non è questo il caso e poi mi ricorda in certo Angelo Manna che in una tv locale rivendicava conquiste dei Borboni e in maniera delicata criticava i politici del tempo… Noi siamo parte lesa, lo ripeto, è ci tuteleremo in tutte le sedi. Non abbiamo imbarazzo ma tanta rabbia. Vorrei che fosse chiaro a tutte le forze politiche e a chi tenta in queste ore speculazioni che da Napoli lanciamo la sfida del rigore spartano qui le paludi del malaffare e della clientela politica sono prosciugate. Siamo qui protagonisti di una battaglia per la trasparenza per far nascere un altro Sud che si presenta a testa alta, che cerca di creare lavoro in condizioni a volte drammatiche e che affronta questioni ambientali. Su questa sfida non arretriamo di una virgola sul piano della correttezza e ci tuteleremo in tutte le sedi».

LA CONFERENZA DI DE LUCA: «IO PARTE LESA»

PRESIDENTE DELLA CAMERA BOLDRINI SU CORRUZIONE E DE LUCA

De Luca ha proseguito parlando di Sanità: «Le nomine della Sanità sono state fatte dall’ufficio di gabinetto e io non conosco nessuno di quelli nominati. Prima la Sanità era luogo di clientela politica ora abbiamo voltato pagina. Le professionalità mediche oggi non devono cercare protettori e padrini politici ma solo preoccuparsi dei servizi è cambiato tutto». «Per ragioni di opportunità – ha concluso – mi fermo qui e vi consegno riflessioni di cui sono certo farete tesoro sto facendo come capite training autogeno. I consiglieri mi hanno detto: mi raccomando… io dico loro tranquilli. Sono un benefattore credo di aver dato lavoro si giornalisti italiani più di Murdoch».

C’è tempo per alcune battute finali: «Mi aspetto la nomina a cavaliere del lavoro, per quanto lavoro ho dato finora. Ai miei collaboratori dico keep calm… Lunedì faremo un consiglio regionale per approvare la legge con cui togliamo di mezzo l’Arsan, struttura clientelare, e approveremo la legge sul ciclo delle acque. Da martedì cancelleremo un altro luogo comune e cioè che l’acqua è poca e la papera non galleggia».

La richiesta alla Procura di Vincenzo De Luca. Intanto il Governatore De Luca ha pubblicato sul sito istituzionale della Regione Campania la richiesta, datata 29 ottobre 2015, di essere ascoltato dalla competente Autorità giudiziaria. Tanto a conferma della riservatezza osservata rispetto all’indagine in corso, per la quale si ribadisce la completa estraneità.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

21 COMMENTI

  1. E dai Rita sappiamo tutti perché ce l\’hai con De Luca,la tua rabbia valla a sfogare come fai quotidianamente nel gruppo dei grillini,almeno li ricevi qualche like…

  2. Si vede che sei nel giusto altrimenti non ti avrebbero rotto le scatole, dai fastidio a qualcuno, complimenti alla rai3 cosi solerte con i bigliettini dati ai cronisti durante ballarò per la notizia dell’indagine in corso su De Luca e a quel giornalino del “fatto” non vedevano l’ora di mettere De Luca in prima pagina a titoloni, buffoni soltanti, le notizie false che raccontano una volta smentite non le dicono più e neanche le scrivono, forse in ultima pagina…che gentaglia.

  3. Buongiorno. Premetto che non sono un suo simpatizzante, per la sua arroganza, e il suo modo di definire tutti cafoni, anche se in molti casi ha tutte le ragioni ma ci sono anche altri modi per esternare i propri pensieri, ma la nuova accusa é molto pesante per cui se vera é giusto che paghi ma diversamente no.

  4. Ma ci vuole coraggio a fare queste dichiarazioni,oramai in regione si parla in luoghi sicuri da cimici…Perchè????????Andate via lasciate spazio alle persone ONESTE::::::::::::::ONESTE.

  5. Rendetevi conto che ogni attacco strumentale a De Luca che non trova riscontro, così come fin qui accaduto, lo rafforza. I suoi oppositori che si sbattono per denigrarlo e sconfiggerlo fuori dall’agone politico fanno solo un favore a De Luca stesso: i chiarimenti giudiziari che dichiareranno il Governatore estraneo a qualsiasi coinvolgimento, sommati ai risultati di trasparenza politica che presto avranno evidenza, aumenteranno la sua popolarità e positivamente, portandolo ad un definitivo consolidamento politico. E tutto ciò farà ancor più rodere gli oppositori che agiscono solo con l’arma della meschinità umana, come avvoltoi, non avendo altro cui aggrapparsi. Come nel caso di Jorge Lorenzo, le vittorie conquistate non con la lealtà ma con i colpi bassi non incoronano vincitori ma “carogne”.

  6. Concordo pienamente con il commento delle 17:52.
    Questa vicenda è così strumentalizzata che la giudice indagata non solo ha ribadito che la sentenza fu unanime (tre giudici), ma riprendeva un’altra sentenza precedente di altra giuria, ma ha, ulteriormente, precisato che viveno separati in casa con il marito, solo per l’educazione dei figli, con storie sentimentali ormai nuove. In questo caso c’è odio nei confronti dell’ex o nel migliore casi massima indifferenza. Altro che raccomandazioni!!!!!!!

  7. La “cosa” che fa più specie e l’evidente potere della politica che, sempre di più, assoggetta , per i propri fini, tutti i poteri dello stato nessuno escluso, creando il caos in cui viviamo isolando sul nascere chi va “controcorrente”.Ci vorrebbe l’azzeramento totale della casta politica che abbiamo creato con il nostro passivo comportamento da cittadini sdegnati che alla fine sa solo lamentarsi guardandosi bene dall’andare contro corrente.

  8. CHE INTERESSE AVEVA MASTURSI SE NON QUELLO DI FAVORIRE IL SUO “padrone” ?
    IL TALE DE LUCA STA USUFRUENDO DELLA SENTENZA & FA FINTA DI NON SAPERE NULLA COME SEMPRE. PUBBLICARE VENDUTI .

  9. Carissima Ely, l’unico Santo e martorizzato è e rimane
    Silvio Berlusconi. Non possono proclamare santo De Luca,sarebbe una bestemmia.

  10. Ma se non ne sapeva nulla perché’ aveva già’ chiesto di essere ascoltato dai magistrati prima delle dimissioni di Mastursi con quel ridicolo comunicato farsa?
    Aspettiamo gli sviluppi dell’intera vicenda prima di giudicare ma rimane la fastidiosa impressione che qualcuno ci abbia raccontato un po’ di balle.

  11. Come mai il “non poteva non sapere” vale solo per qualcuno e per altri no?
    A Salerno non ci facciamo mancare proprio niente:
    blatte d’artista, topi d’artista, luci di Natale (d’artista?), cafoni d’artista e ora abbiamo anche l’indagato d’artista ….

  12. Il Popolo chiede di essere ascoltato,i burocrati sono dipendenti del Popolo e devono eseguire gli interessi del popolo e non quello delle minoranze parassite.
    ….. E basta.

  13. … Che hanno bisogno del dittatorello per campare perché da soli altrimenti …

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.