Italcementi: Lettera di 19 Parlamentari ai Ministri Poletti e Guidi per prolungamento Cassa Integrazione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
ItalcementiTino Iannuzzi ed altri 18 Parlamentari del PD appartenenti a diversi Territori hanno indirizzato ai Ministri del Lavoro e delle Politiche Sociale Giuliano Poletti, dello Sviluppo Economico  Federica Guidi, al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti ed al Sottosegretario al Lavoro Teresa  Bellanova una lettera per sollecitare il prolungamento del trattamento di Cassa Integrazione Straordinaria per 669 Lavoratori su circa 2.700 complessivi della Italcementi, che in Italia ha le sue sedi ed i suoi stabilimenti in ben dodici Regioni ed in diverse Città’ come Salerno, Bergamo, Trieste, Monselice, Colleferro, Castrovillari, Porto Empedocle, Matera.

Nella lettera, sottoscritta da deputati lombardi, calabresi, sardi, veneti, pugliesi e, fra gli altri, dai Presidenti delle Commissioni Attività Produttive Guglielmo Epifani e Lavoro Cesare Damiano, viene evidenziata  la necessità di salvaguardare la presenza, la funzione produttiva ed il ruolo strategico del Gruppo Italcementi nel nostro Paese, alla luce del piano di riorganizzazione  e di ristrutturazione avviato da  Italcementi s.p.a.. In questo contesto e’ stata attivata la utilizzazione della Cassa Integrazione Straordinaria per 669 Lavoratori, che verrà’ a scadenza, tuttavia,  il prossimo 31 gennaio 2016. 

Italcementi rappresenta una realtà di rilevante interesse strategico per l’economia nazionale e la sua riorganizzazione comporta notevoli ricadute occupazionali e ha un impatto significativo sullo sviluppo dei territori interessati.

Pertanto Iannuzzi e gli altri Parlamentari hanno richiesto ai Ministri l’attivazione delle previsioni di cui all’art. 42 del Decreto legislativo n. 148 del 2015, con la conseguente proroga del trattamento di cassa integrazione straordinaria, evitando ogni dannosa cessazione parziale di attività in alcune delle sedi italiane. 

E’ necessario assicurare risposta positiva alla richiesta di attivazione dell’art. 42, proprio al fine di agevolare la gestione adeguata ed oculata delle ricadute occupazionali della riorganizzazione di Italcementi, preservando la mission produttiva degli stabilimenti italiani e la tutela dei livelli occupazionali. 

I Ministeri, con una prima decisione sollecitata sia da tale iniziativa parlamentare sia dalle Organizzazioni sindacali, hanno convocato un Tavolo ministeriale con la Direzione di Italcementi e le rappresentanze sindacali. E’ questo sicuramente un fatto significativo ed utile.

Tino Iannuzzi continuerà a seguire la delicata e rilevante vicenda, che interessa tante Famiglie e tanti Lavoratori anche salernitani, in stretta e positiva collaborazione con la FILCA CISL, la FILLEA CGIL, la  FENEAL UIL. 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.