Regione Campania: M5S occupa banchi presidenza Consiglio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
regione_de_luca_primo_consiglio_1Il Movimento Cinque Stelle ha occupato in segno di protesta i banchi della presidenza in Consiglio regionale della Campania. Prima di qualsiasi altro tipo di discussione, gli esponenti grillini chiedono che sia fatta chiarezza sulla vicenda giudiziaria che vede coinvolto Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania. Gli esponenti M5S sono contrari anche al dibattito in programma per oggi sul disegno di legge di riordino del sistema idrico regionale. La loro posizione contraria al ddl, a firma della giunta regionale, era stata già annunciata nei giorni scorsi.

Il presidente del Consiglio, Rosetta D’Amelio, intorno alle 11 aveva dichiarato aperta la seduta tra le contestazioni e chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine “per identificare chi ha abusivamente occupato il Consiglio”. Dopo una ripresa faticosa dei lavori si è arrivata poco dopo ad una seconda sospensione: “Devo sospendere la seduta per la scorrettezza istituzionale di quattro folli” – dice la D’Amelio. Dai banchi della maggioranza si è levato lo slogan ‘pagliacci, pagliacci’ all’indirizzo dei grillini mentre gli stessi consiglieri pentastellati hanno esposto alcuni cartelli contro il Governatore: ‘De Luca governatore abusivo” e De Luca Pinocchio”. Srotolato anche uno striscione con su scritto “De Luca dimettiti”.

Al termine della la conseguente nuova interruzione la D’Amelio ha aggiunto: “Per il momento non chiamerò le forze dell’ordine per far sgomberare l’aula. Non c’è rispetto delle istituzioni – dice – non ho voluto far sgomberare l’aula, si assumano la responsabilità davanti ai cittadini”. ”Il Consiglio è di tutti i cittadini campani – sottolinea – spero che prevalga la saggezza”. ”In Conferenza dei capigruppo è stato definito il percorso per la ripresa dei lavori – fa sapere – Tutti d’accordo tranne i Cinque Stelle, ad affrontare in aula, al di là di temi comunque importanti, la strage di Parigi”. ”Un fatto internazionale, un dramma – aggiunge – la Campania la più importante regine del Sud non può non intervenire su un tema così importante”. ”La Capogruppo dei Cinque Stelle mi ha detto che devo fare una nota di cordoglio – prosegue – non accetto una provocazione simile”. Ma il caos in aula è continuato ad oltranza tanto che il consigliere regionale dei 5 Stelle, Maria Muscarà, ha tolto il microfono dalle mani del presidente del Consiglio, Rosa D’Amelio, strappando i fogli del ddl sull’acqua. La seduta è stata quindi sospesa per un’ora e per la terza volta.

m5s_ciarambino_regionali“Vuole far finta di niente rispetto a una vicenda gravissima – spiega Valeria Ciarambino, capogruppo del Movimento Cinque Stelle – su questo presidente grava un’ombra pesantissima che si addensa ogni volta di più e tiene ostaggio la Campania dei guai giudiziari di De Luca”. “Ha raccontato una menzogna istituzionale, veicolata con canali istituzionali – spiega –. Oggi è stato convocato un Consiglio che ha all’ordine del giorno provvedimenti che incidono sulla vita dei cittadini campani”. “Gli unici ad aver fatto un gesto nel senso della legalità e della trasparenza siamo stati noi del Movimento Cinque Stelle che abbiamo presentato una mozione di sfiducia – aggiunge – Gli altri si riempiono la bocca di parole”. “Oggi vogliamo richiamare tutti rispetto a questa vicenda – conclude – C’è chi vuole fare finta di niente, ma le parole legalità e trasparenza vanno dimostrate con i fatti altrimenti si stanno solo ingannando i cittadini campani”.

mario_casillo-pd-campaniaSulla vicenda è intervenuto anche Mario Casillo, capogruppo del PD in Consiglio regionale: ”Siamo di fronte a una occupazione che sa di strumentalizzazione. Purtroppo – afferma – si sta andando avanti con la protesta – dice – in Conferenza dei capigruppo è stato chiesto all’opposizione di centrodestra di firmare la mozione di sfiducia contro De Luca come precondizione per liberare l’aula”. “Siamo arrivati ai ricatti istituzionali – sottolinea – è giusto che si vada in aula e si discuta per capire con trasparenza le cose che si sono verificate”. ”Abbiamo appreso con grande stupore di questa occupazione dei banchi della Presidenza da parte dei Cinque Stelle – conclude – avevamo deciso, nella Conferenza dei capigruppo, la scorsa settimana che De Luca sarebbe venuto in aula per riferire della vicenda che lo riguarda”.

 Armando Cesaro (FI), “Così il M5s favorisce De Luca”. “Questa è l’opposizione che non produce nulla, che non vuole produrre nulla e che, come nella peggiore tradizione della sinistra estrema, favorisce il caos e impedisce il lavoro delle istituzioni”. Così il presidente del gruppo di Forza Italia dl Consiglio Regionale della Campania, Armando Cesaro, commentando l’occupazione dell’Aula del Consiglio regionale campano da parte del gruppo del Movimento 5 Stelle. “Avevamo chiesto e ottenuto che De Luca riferisse in Aula sulle menzogne rifilateci sul caso Mastursi; questa mattina, poi, avevamo chiesto e ottenuto che questo sarebbe stato il primo punto all’ordine del giorno, subito dopo quello sul gravissimo attentato terroristico a Parigi – aggiunge –, e alla fine il risultato è questo: grazie ai Cinque Stelle De Luca non ha riferito in Aula, il Consiglio non ha potuto esprimere neppure la propria vicinanza ai cittadini francesi”. “Hanno fatto il gioco di De Luca, arrivando persino a strumentalizzare la tragedia francese. E’ una vergogna”, ha concluso Cesaro. 

Bagarre in Consiglio: Verdi ai pentastellati: “Siete come l’Isis”.  Il consigliere regionale dei Verdi della Campania Francesco Borrelli, di fronte alla protesta in corso dei consiglieri M5s, è insorto accusando i grillini di sciacallaggio: “Siete come l’Isis, vergognatevi. State facendo sciacallaggio sui morti”. E ha srotolato una bandiera francese. 

Acqua, Gallo (M5S): “Giusto fermare un Consiglio che agisce contro un risultato referendario”. “Vogliamo proteggere i cittadini da bollette di 7mila euro e distacchi selvaggi dei contatori. Ma pretendiamo anche il ripristino della democrazia con una legge regionale che rispetti la volontà referendaria. Nel disegno di legge di De Luca c’è un provvedimento “salva Gori” che cancellerebbe addirittura una sentenza del TAR che ha annullato 122 milioni di bollette perché illegittime oltre ad una sanatoria che renderebbe leciti gli aumenti tariffari. In un vuoto di democrazia, colmato oggi solo dall’intervento dei comitati per l’Acqua Pubblica e dai nostri consiglieri regionali, con la legge di De Luca e Bonavitacola si crea un nuovo voto democratico, con nuove nomine che dipenderanno da De Luca”.

Lo afferma il deputato del Movimento Cinque Stelle Luigi Gallo, oggi presente alla seduta del consiglio regionale della Campania in cui si voterà il ddl sul riordino del servizio idrico. Gallo e il parlamentare M5S Salvatore Micillo sono al fianco del coordinamento dei comitati campani per l’Acqua Pubblica che vuole il rispetto dei processi democratici per l’approvazione del disegno di legge, scritta sabato e portata lunedì in consiglio. I parlamentari M5S condividono la battaglia in aula dei consiglieri regionali del Movimento Cinque Stelle che sostano tra i banchi della presidenza. “È vergognoso che il Pd campano voglia nascondere i problemi di De Luca e la truffa di questa legge speculando sui gravissimi fatti di Parigi”, conclude Gallo.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. In Campania i 5 stelle più stupidi d’Italia.
    Davvero, in altre Regioni, Comuni o a livello nazionale, possono fare cose condivisibili o meno, ma in Campania fanno solo str***ate.
    Denunciateli, apriranno un’indagine e, per coerenza, dovranno dimettersi: se non lo faranno, si saranno sputtanati sbugiardando ciò che affermano (indagato => dimesso)

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.