Ance Aies Salerno: Codice Appalti, sì alla riforma sui contratti pubblici

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
aies_ance_russo_costruttori_2A tre giorni dal convegno organizzato dall’Ance-Aies di Salerno che vede “la nuova legge di riforma del codice degli appalti pubblici” al centro di un dibattito con autorevoli relatori, la riforma degli appalti compie un passo decisivo alla Camera. Il disegno di legge delega che sta riformando la disciplina dei contratti pubblici, approvato con 348 voti favorevoli, 78 contrari e 25 astenuti è passato al Senato per il via libera definitivo. «È una buonissima notizia per il sistema dei lavori pubblici italiani – ha commentato il Presidente Ance Aies Salerno, Vincenzo Russo (nella foto) è una riforma che vuol dire trasparenza, efficacia, buon utilizzo dei soldi pubblici e non più zone opache. Abbiamo voluto fortemente questo convegno per essere pronti al recepimento delle novità proposte dalla riforma».

L’emendamento approvato dall’Aula lascia all’Esecutivo la facoltà di scegliere se attuare la riforma con un unico testo entro il 18 aprile 2016. Indipendentemente dai tempi di attuazione della riforma, ne sono stati confermati i contenuti, tra cui il divieto di gold plating, per cui non potranno essere previste disposizioni più severe di quelle comunitarie. Epicentro del nuovo sistema sarà l’Autorità Nazionale Anticorruzione, sotto la guida di Raffaele Cantone a cui spetta il compito di vigilare mercato. Al centro della riforma anche la qualità della progettazione, diminuendo eventuali deroghe e varianti, tra le prime cause dell’incremento dei costi.

Tra le novità contenute nel disegno di legge delega sugli appalti figurano:

1) stop alle gare con massimo ribasso: verranno infatti premiate le offerte economicamente e qualitativamente più vantaggiose;

2) divieto di norme in deroga negli appalti, ad eccezione di eventi calamitosi;

3) eliminazione dell’incentivo per i progettisti della pubblica amministrazione;

4) limitazioni all’appalto integrato;

5) potenziamento della fase progettuale;

6) consolidamento del ruolo dell’Autorità Anticorruzione: la scelta dei commissari di gara avverrà a rotazione da un albo costituito proprio presso l’Anac.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.