Lo stato della finanza pubblica in Italia/1 (*): Crisi produttiva e aumento del debito pubblico

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
angelo_giubileo_2In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto debito/PIL dei singoli stati, ed in particolare sui cosiddetti PIIGS (Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia, Spagna). La crisi ha avuto un impatto negativo così forte che non ha consentito agli stessi stati l’adozione di misure di politica economica anti-cicliche.

Ovvero scelte di politica monetaria e fiscale incentivanti la ripresa e quindi la crescita della produzione e dei prezzi al consumo. In questi anni, l’Ue ha completato il percorso di affidare le scelte di politica monetaria ad un’unica regia, quella della Bce; solo di recente, invece, ha intrapreso il percorso di adottare politiche fiscali comuni, mediante la procedura di adesione e sottoscrizione da parte dei singoli stati membri del cosiddetto Fiscal Compact.

La situazione in Italia, simile a quella già manifestatasi alla fine degli anni ’80 e proseguita fino agli inizi degli anni ’90, ha indotto i governi nazionali a perseguire politiche non già di riduzione nominale del debito, quanto piuttosto di stabilizzazione del rapporto percentuale debito/PIL.

Come allora con il governo Ciampi (1993-94: rapporto in crescita tendenziale tra il 115 e il 120%), si è quindi ritenuto opportuno puntare su un maggiore saldo dell’avanzo primario. L’avanzo primario del bilancio statale è la differenza fra la spesa pubblica e le entrate tributarie e extra-tributarie esclusi gli interessi da pagare sul debito.

In breve, soprattutto nel periodo di maggiore crisi (2011-2015), i governi nazionali si sono impegnati a garantire l’obiettivo, sia pure minimo, di un saldo positivo di bilancio tra entrate ed uscite dello stato, su base annuale, in grado almeno di soddisfare il pagamento annuale degli interessi di debito pubblico in  scadenza. Il perseguimento di questo minimo obiettivo, non ha tuttavia evitato, nello stesso periodo, sia la crescita del valore nominale del debito pubblico, da € 1887,9 mld. (1/2011) a € 2.204 mld. (6/2015), sia la crescita del valore percentuale del rapporto debito/PIL, da 118,7% (1/2011) a 136% (6/2015).

(*) Questo è il primo di una serie di articoli sull’andamento e lo stato della finanza pubblica in Italia

(Angelo Giubileo)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.