Legge Fornero: prosegue la mobilitazione di CGIL, Cisl e Uil

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
bandiere-cgil-cisl-uilCGIL, CISL e UIL, riunite oggi alla Camera di Commercio di Salerno, continuano la mobilitazione sulla necessità di riforma della legge Fornero, riforma disastrosa che ha sottratto reddito a pensionati e pensionandi e creato l’infinito equivoco degli esodati.

Occorre intervenire per

  • ridurre  l’età del pensionamento e per agevolare l’uscita dal lavoro e creare le condizioni per favorire l’occupazione giovanile;
  • rendere flessibile l’uscita dal lavoro senza ulteriori penalizzazioni già insite nelle pensioni anticipate;
  • separare previdenza e assistenza;
  • riformare strutturalmente la legge Fornero;
  • applicare l’opzione donna ai sensi dell’art.1 comma 9 legge 243/2004;
  • salvaguardare i lavoratori precocii requisiti pensionistici del personale ferroviario e risolvere i problemi della cosiddetta “quota 96” per il personale della Scuola;
  • favorire la previdenza complementare eliminando gli ultimi provvedimenti ritenuti restrittivi.

CGIL, CISL e UIL di Salerno, poi, propongono di:

  • favorire le modalità di accesso al part-time incentivato negli anni antecedenti all’ età pensionabile;
  • contemplare la contribuzione figurativa piena dei permessi e dei congedi  parentali per l’ assistenza a persone disabili ed anziani non autosufficienti.

 

Inoltre, CGIL, CISL, e UIL di Salerno condannano i tagli operati dalla legge di stabilità su CAAF e Patronati. Questi tagli penalizzano lavoratrici e lavoratori, pensionate e pensionati, che vedono ridotta la propria possibilità di rendere esigibili i propri diritti, in un contesto dove affaristi e speculatori tentano di sopravanzare le professionalità al servizio dei cittadini proprie di Organizzazioni quali quelle sindacali.

A questa iniziativa di stamane erano stati invitati anche i parlamentari salernitani, che hanno perso l’ennesima occasione di confrontarsi con le OO. SS. e mettersi a servizio della parte più debole della cittadinanza.

Nel contempo, le OO. SS. ringraziano l’On. Tino Iannuzzi di aver portato il proprio saluto all’assemblea, prima di partire per altri impegni precedentemente assunti, dando la propria disponibilità ad essere interlocutore per i temi oggetto della riunione odierna.

CGIL, CISL e UIL di Salerno decidono altresì di intraprendere nuovi momenti di mobilitazione sul territorio , convinte, ora più che mai, che l’attacco ai diritti dei cittadini si concretizza come una negazione dei bisogni dei più poveri e dei più deboli e ciò, in uno stato di diritto, non può e non deve accadere.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.