Maltrattavano disabili in casa di cura, 7 arresti nel salernitano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
maltrattamenti_disabiliI Carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore (SA) hanno eseguito  un’ordinanza
di custodia cautelare nei confronti di 7 dipendenti di una casa di cura, ritenuti responsabili di maltrattamenti nei confronti di soggetti disabili.

I sette dipendenti della casa di cura “Villa dei Fiori” , in via Poggio San Pantaleone, a Nocera Inferiore (Salerno), sono stati arrestati perché ritenuti responsabili in concorso tra loro di maltrattamenti. L’indagine, avviata nell’ottobre 2014, ha documentato maltrattamenti fisici e psicologici nei confronti di alcuni ospiti semiresidenziali della casa di cura, portatori di handicap fisici e mentali gravi.

Le violenza (schiaffi, strattoni, pugni e insulti verbali) avvenivano durante il trasporto degli stessi dalle rispettive abitazioni alla struttura sanitaria. Tutti gli indagati (quattro autisti e tre accompagnatori) sono responsabili delle violenze in questione. Uno degli accompagnatori, inoltre, è responsabile anche di lesioni lievi provocate ad una trentottenne oggetto dei medesimi maltrattamenti.

Tra Nocera Inferiore, Pagani e Roccapiemonte, questa mattina, i carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal gip del tribunale di Nocera Inferiore, su richiesta della locale procura della Repubblica, nei confronti dei sette

Erano state presentate diverse denunce agli inquirenti nocerini da parte dei genitori di alcuni assistiti per le violenze utilizzate da alcuni operatori, non da tutti, per tenere a bada disabili loro affidati e in preda a crisi. Si sarebbe più volte ricorsi a violenze fisiche per indurre alla calma persone che non sono in grado di difendersi in maniera adeguata e spesso nemmeno in grado di raccontare compiutamente quanto loro accaduto. In un caso, addirittura, un operatore avrebbe picchiato un giovane con evidenti e noti problemi mentali fino a calmarlo.

Pratiche che, farebbero rabbrividire e sarebbero vergognose per qualsiasi struttura socio assistenziale o sanitaria che sia. La procura di Nocera Inferiore da qualche mese aveva aperto un’indagine. I genitori e parenti delle persone assistite dalla struttura erano sul piede di guerra ed erano intenzionate a chiedere conto e ragione del tempo trascorso.

I nomi degli arrestati forniti dalla Procura

NOMI ARRESTATI:

 

Autisti

  1. F.A. 50enne di Pagani;
  2. P.S. 65enne di Nocera Inferiore;
  3. P.G. 31enne di Roccapiemonte;
  4. S.R. 38enne di Roccapiemonte;

 

Accompagnatori

  1. D.G. 32enne di Nocera Inferiore;
  2. G.G. 32enne di Roccapiemonte;
  3. P.V. 31enne di Roccapiemonte.

    IL VIDEO DI UNO DEI VIAGGI DELL’ORRORE

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.