Un pensiero ‘ardito’ ma non troppo… Non tutto si combatte con l’Anac (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
tony_ardito_foto_2Aver istituito l’ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione) direi che è stata una scelta necessaria ed opportuna; tanto più se poi la si è affidata ad un uomo delle istituzioni di comprovata competenza, quale il magistrato Raffaele Cantone; tuttavia l’aver creato un tale presidio di garanzia è stato un po’ come riconoscere che in Italia la corruzione è un fenomeno ormai cronico.

Immagino che in pochi mesi la corrispondenza recapitata all’ANAC abbia fatto registrare numeri da record; d’altronde, basta seguire i media per rendersi conto che non passa giorno senza che non si richiami la sua attenzione verso l’operato  di questa o quella istituzione o amministrazione.

Per effetto di quanto accaduto di recente nel mondo del credito locale, il governo le ha conferito l’ennesimo, delicatissimo compito, ovvero quello di dover stabilire quali obbligazionisti sono stati tratti in inganno dagli istituti falliti.

Cantone e la sua struttura iniziarono ad operare a pochi mesi dalla inaugurazione dell’Expo di Milano onde intercettare ed intervenie, in modo significativo, sui deprecabili fenomeni di malaffare verificatasi nello sterminato perimetro del suo cantiere. Da allora, pare che quell’ufficio sia divenuto un crocevia imprescindibile, il che se da un lato ci fa sentire garantiti, dall’altro ha acuito in noi il distacco e la sfiducia verso la cosa pubblica.

Ad aggravare il tutto, poi, ha inciso, non poco, la forte riduzione delle risorse che lo Stato trasferisce agli enti locali – ormai al collasso ed incapaci di garantire i servizi essenziali alle proprie comunità –  e la diminuzione di quelle che – nonostante i proclami di segno contrario – designa agli organi di polizia; cioè a coloro che dovrebbero poter disporre di uomini e mezzi al precipuo fine di prevenire, ancorché perseguire, comportamenti criminosi legati alla vita pubblica e privata nel suo complesso.

Si ripropone, credo, il problema di fondo: riformare le istituzioni e conferire un moderno assetto alle articolazioni dello Stato. Tuttavia è, altresì, fondamentale riaffermare l’etica della responsabilità, riferita al singolo cittadino, ma ancor più a chi lo rappresenta.

Io non mi illudo si potrà mai debellare l’atavico fenomeno della corruzione, ma certamente si può dotare ciascuno dei necessari anticorpi, e per farlo è fondamentale restituire alle istituzioni quella credibilità e quel prestigio che oggi stentano ad esercitare ed inoltre, si dovrebbero riconoscere, inequivocabilmente, al cittadino i propri, fondamentali diritti; diritti i quali, spesso fanno il paio con qualcosa che ha addirittura un valore ben più importante, la dignità.

Per sconfiggere una male, non è sufficiente combatterne le conseguenze, è molto più intelligente ed efficace individuare e sradicarne le ragioni.

editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.