Contributi alle televisioni: tutti prosciolti al Corecom

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Corecom«Il fatto non costituisce reato». Così il gup del Tribunale di Napoli, Isabella Iaselli, ha dichiarato il non luogo a procedere nei confronti dell’ex presidente del Corecom Campania, Gianni Festa (difeso dagli avvocati Gianfranco Iacobelli e Generoso Pagliarulo), dell’ ex vice presidente EnzoTodaro (difeso dall’avvocato Felice Lentini) e di altri componenti dell’organismo di vigilanza sul sistema radio televisivo regionale.

Il pubblico ministero Walter Brunetti aveva ipotizzato i reati di truffa e falso per una vicenda che faceva riferimento ai contributi alle emittenti private assegnati nel 2010 in base alla legge 448, rispetto alla quale furono prodotti ricorsi in ordine all’attribuzione dei punteggi alle singole emittenti televisive, attribuzione finalizzata alla determinazione del contributo erogato successivamente dal ministero dell’Economia.

Ilgiudice delle indagini preliminari, a cui la Procura chiedeva di firmare un decreto di rinvio a giudizio,ha ritenuto che nel calcolo dei punteggi e nell’assegnazione dei fondi non vi fu alcuna irregolarità. È stato emesso quindi un provvedimento di non luogo a procedere, perché «il fatto non costituisce reato», nei confronti sia dei vecchi componenti del Corecom che,tra gli altri,dell’editore di Telecolore,Antonio De Simone. Secondo l’ipotesi che era stata formulata dall’accusa, l’emittente salernitana aveva percepito irregolarmente il contributo attraverso una falsa dichiarazione, riguardante la modifica di status da pubblicista a professionista di alcuni giornalisti che avevano sostenuto l’esame professionale durante l’anno 2008. «Per il giudice dell’udienza preliminare – si legge in una nota – i chiarimenti forniti dall’editore di Telecolore (difeso dall’avvocato Michele Tedesco) sono stati sufficienti a dichiarare il non luogo a procedere. Quel contributo era stato legittimamente percepito e nessuna truffa è stata perpetrata in danno dello Stato».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.