Mons. Orazio Soricelli: «Natale all’insegna della misericordia»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
amalfi_sera_notteCon l’apertura della Porta Santa è iniziato l’Anno straordinario del Giubileo della Misericordia, indetto da Papa Francesco per contemplare il mistero della misericordia che è “fonte di gioia, di serenità e di pace”(MV 2).

La misericordia non è un’idea astratta, essa è l’essenza di Dio ed è “divenuta viva, visibile ed ha raggiunto il suo culmine in Gesù di Nazareth” (MV 1). Il Padre, “ricco di misericordia”, “nella pienezza del tempo”, mandò suo Figlio nato dalla Vergine Maria per rivelare a noi in modo definitivo il suo amore per l’umanità. Gesù, “con la sua parola, con i suoi gesti e con tutta la sua persona rivela la misericordia di Dio”. Gesù, infatti, è il volto della misericordia del Padre.

La festa del Natale del Signore è un’occasione favorevole per considerare il mistero dell’amore infinito di Dio.  Il Bambino di Betlemme che contempliamo adagiato nella mangiatoia è il Figlio dell’Eterno, è l’Emmanuele, è il “Dio con noi”,  è il Dio vicino. L’evangelista Giovanni ci dice: “Dio nessuno l’ha mai visto: proprio il Figlio unigenito che è nel seno del Padre, lui lo ha rivelato” (Gv. 1,18).

Tra i rumori delle feste natalizie, ritagliamoci qualche momento di silenzio e di raccoglimento, per meditare sul mistero incomparabile del Natale. Lasciamoci pervadere dallo stupore e dalla meraviglia della tenerezza del Santo Bambino. Apriamo a Lui con confidenza il nostro cuore e lasciamoci conquistare dalla sua luce, dalla sua gioia e dalla sua pace.

Prestiamo attenzione anche alle modalità della sua venuta, segnata dalla sobrietà e dalla povertà. Il Figlio di Dio, ha scelto di nascere tra gli umili ed i poveri.

Mettiamoci alla scuola della misericordia divina e impariamo la lezione che ci viene dal presepe. Natale offra ad ogni uomo la possibilità di mettere in pratica qualcuna delle opere di misericordia corporale o spirituale suggerite dal Santo Padre.

Nelle feste natalizie, sarebbe bello aprire la propria casa per ospitare a tavola qualche persona che vive nel bisogno o nella solitudine. Tale ospitalità potrebbe realizzarsi nella domenica della Santa Famiglia, il 27 dicembre, come segno di accoglienza di Gesù stesso, rifiutato a Betlemme.

Con affetto auguro a tutti, un Santo Natale all’insegna della misericordia e della tenerezza!

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.