Regali di Natale, elogio del re-gifting

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
regalo_nataleDunque, anche quest’anno è andata: a quest’ora non ci sono più scatole, buste e pacchetti da aprire… ed ognuno è alle prese con i doni ricevuti da montare, indossare, sistemare o… riciclare. Perché, come sempre, c’è una grossa percentuale di regali – secondo una ricerca realizzata da Tns e commissionata da eBay il 45% – che non sono piaciuti, ed i loro destinatari in queste ore sono alle prese con un atroce dilemma: che cosa fare dei doni non graditi? Il regifting, ovvero il riciclo dei regali (a Natale così come in altre occasioni) per molti è un tabù sociale, anche se – complice la crisi – ormai è sempre più accettato… Nel 2012 su Psychological Science alcuni ricercatori esplorarono il regifting attraverso l’osservazione delle reazioni dei 178 partecipanti allo studio che vennero divisi tra donatori e riceventi. I risultati dissero i donatori consideravano il riciclo una reazione accettabile, mentre i riceventi se ne vergognavano.

“Il regifting non è sbagliato, scrisse allora uno degli autori della ricerca, Gabrielle Adams dalla London Business School – perché è un modo per garantire che i doni siano diretti a chi saprà veramente goderne”. Il dubbio però resta: non si corre il rischio di passare per tirchi? L’importante è stare attenti ad alcuni dettagli anti-figuraccia: se si tratta di un libro, controllate che non ci sia una dedica, ed anzi scrivetene voi una per l’amico a cui lo “girate”; se pensate di riciclare un regalo aziendale o un gadget simpatico di cui però non sapete che fare, verificate sempre che non vi siano indicazioni come “Campione omaggio, vietata la vendita”; nel caso di un capo d’abbigliamento fate attenzione che ci sia il cartellino (anche se la taglia a voi stava tre volte); assicuratevi che la persona a cui volete riciclare un oggetto non abbia legami con chi ve l’aveva regalato magari l’anno prima; e soprattutto non lesinate sul packaging: a volte sono carte e fiocchi che fanno la differenza, rendendo graditi anche certi ninnoli inguardabili. Mentre ci pensate, sappiate che oltre 2,8 milioni di italiani sta già pensando a come rivendere online i doni indesiderati. Un’attitudine che vede più incline il sesso maschile con un +33% rispetto alle donne. Per chi volesse fare un po’ di sharing economy, i regali di troppo si possono rivendere su Depop, eBay o su altri siti specializzati che permettono di effettuare una compra-vendita su qualsiasi altro tipo di prodotto. Provare per credere!!!

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.