Legge Severino: De Luca, tribunale rinvia decisione in attesa della Consulta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
de_luca_regione_campania_2015-(4)Giudizio sospeso. Con un provvedimento, nella sostanza favorevole a Vincenzo De Luca, che resta alla guida della Regione, si è concluso l’ennesimo round della complicata controversia giudiziaria sull’applicazione della Legge Severino nei confronti del governatore della Campania.

La prima sezione del Tribunale civile di Napoli (presidente Carlo Imperiali, giudice relatore Umberto Antico, a latere Roberta Di Clemente), ha rinviato oggi la decisione del giudizio di merito in attesa della pronuncia della Consulta sulle eccezioni di incostituzionalità della Legge Severino.

La sentenza slitta pertanto di alcuni mesi, durante i quali il governatore resta comunque nella sua carica perché il Tribunale non ha ritenuto – al contrario di quanto chiedevano il Movimento 5 Stelle, Sel e un gruppo di consiglieri del centrodestra – di dover revocare l’ordinanza emessa a luglio dallo stesso tribunale che ”sospendeva la sospensione” stabilita in applicazione della Severino.

A rivolgersi al Tribunale erano stati i legali di De Luca dopo che il 26 giugno scorso un decreto del presidente del Consiglio in base alla Severino aveva sospeso il governatore appena eletto, in conseguenza di una condanna in primo grado per abuso di ufficio relativa a fatti avvenuti quando De Luca rivestiva la carica di sindaco di Salerno.

Con un provvedimento di urgenza il giudice monocratico Cioffi aveva sospeso tale provvedimento. Sospensione poi confermata a luglio dal Tribunale in composizione collegiale (uno dei componenti, Anna Scognamiglio è finita poi sotto inchiesta per presunte pressioni per un esito favorevole a De Luca) che aveva accolto le eccezioni sollevate dai legali del presidente della Regione e trasmesso gli atti alla Consulta.

Nel provvedimento, adottato nella camera di consiglio del 23 dicembre e depositato oggi pomeriggio, il Tribunale sottolinea in particolare che la sospensione del giudizio di merito è obbligata in presenza di una questione di incostituzionalità pendente davanti alla Consulta. La legge istitutiva della Corte Costituzionale prevede infatti la “sospensione obbligatoria” (è scritto “sospende”, non “può sospendere”, si rileva nel provvedimento).

“Il giudice – afferma il Tribunale – non può decidere la controversia se la Corte Costituzionale non dirime il dubbio sulla contrarietà della norma all’assetto costituzionale”. Se ne riparlerà, dunque, solo quando la Consulta si sarà pronunciata.

De Luca ha espresso “gratitudine e apprezzamento ai magistrati di Napoli che – ha detto – indifferenti a pressioni e condizionamenti di varia natura, continuano ad affermare semplicemente le ragioni dello stato di diritto”. “Confermo la mia assoluta serenità e, come sempre, il pieno rispetto per la magistratura e la sua autonomia. Continuerò a lavorare al servizio della comunità, senza farmi distrarre da vicende che a volte hanno come unica ragione la strumentalità politica”.

“L’ordinanza accoglie in pieno le ragioni di De Luca e respinge l’istanza di revoca della misura cautelare. De Luca continua a governare legittimamente la Campania”, ha affermato l’avvocato Lorenzo Lentini, legale del governatore.

“Il Tribunale di Napoli non ha deciso la causa ed aspetta una nuova pronuncia della Corte Costituzionale che, sostiene sempre il Tribunale, potrebbe anche cambiare idea. A me sembra un’ipotesi improbabile, non argomentata, e che non giustifica il permanere in carica di un soggetto privo dei requisiti di legge”: è il commento dell’avvocato Salvatore Di Pardo, costituitosi in opposizione al ricorso di De Luca e in rappresentanza di alcuni ex consiglieri del centrodestra. Contro il ricorso si erano costituiti anche il M5S, con l’avvocato Oreste Agosto, e Sel, con l’avvocato Arnaldo Miglino.

“Un altro rinvio? Scelta annunciata. Grande preoccupazione per stabilità e credibilità politica in Campania” scrive su Twitter il capo dell’opposizione di centrodestra in Consiglio regionale, Stefano Caldoro. E Valeria Ciarambino, capogruppo M5s: “Questa estenuante partita a ping pong non fa altro che far precipitare ancora di più la Campania nel caos, il vero peccato originale è stato candidare De Luca”.

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. Mi viene troppo da ridere pensando ai 5 nostalgici dello scasso di Pastena e del cementificio (che non mi stancherò mai di dirlo: NON VIVONO A SALERNO) che si sono intossicati un altro Natale, un’altra fine e un altro pricipio di Anno. Buon 2016 chianche, con la speranza che anche per il 2016 continuerete a farci schiantare dalle risate Ahahahahah #Afmk

  2. Mo chiamo Beppe da Genova e mi faccio dettare le paroline da dire alla stampa di Skai e il Tatto quotidiano

  3. altro che severino (na strunzata).
    Si Crescent completo

  4. Scusate l’intromissione… Ma questa sentenza non si era conosciuta già una decina di giorni prima che fosse depositata?

  5. Renzi, conferenza stampa di fine anno (diretta)
    ‘Il 2015 è stato meglio del 2014, lo dicono i fatti’

    Ma di cosa vi meravigliate l’Italia è fatta al 100% di questi personaggi, ma questo signore non dice che l’America ci ha classificato come la Cina sul esportazione di acciaio applicandoci un dazio del 270% circa.
    Ma come fate a votare questi signori, che vi parlano solo di caviale e salmone quando poi no è cosi.
    Ma come fate a votarli, avete un po di rispetto verso voi stessi e i vostri figli. Sveglia che loro non dormono neppure la notte.

  6. Sia fatta la volontà del voto democratico De Luca ha vinto? Deve governare, poi tra 5 ani sarà valutato sui problemi che ha risolto e sulle cose che ha fatto, BASTA BASTA BASTA con le vicende giudiziarie

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.