Blitz anti-bracconaggio nel salernitano, denunciati tre cacciatori

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
guardia_ambientaliBlitz delle guardie Enpa in costiera. a seguito di segnalazioni è stato predisposto un servizio a ridosso dei comuni di Maiori e Tramonti in merito a soggetti intenti ad esercitare attività di bracconaggio. Alle prime luci dell’alba il personale della Protezione Animali, dopo un lungo tragitto tra le montagne ha intercettatto tre soggetti a caccia di ungulati.
Dai controlli è emerso che uno di loro era sprovvisto di porto d’armi, scaduto da un po’, un secondo soggetto aveva un’arma carica al controllo con otto cartucce (il limite è tre) ed un terzo soggetto aveva al seguito munizioni a palettoni. Si precisa che per la caccia agli ungulati è vietato l’uso  o la detenzione di pallettoni o pallini. Veniva immediatamente contattato il personale del Corpo Forestale dello Stato della stazione di Tramonti.
I tre soggetti venivano deferiti all’autorità giudiziaria per reati connessi all’attività venatoria. La zona sarà soggetta ad ulteriori controlli in questo periodo per scongiurare il ripetersi di altri atti di bracconaggio. Il personale Enpa di Salerno cogli
In un diverso servizio nell’agro nocerino sarnese , gli agenti notavano alcune gabbie contenenti fauna protetta. Si decideva di apostarsi nel terreno per attendere l’arrivo del proprietario delle gabbie ma a distanza di alcune ore di attesa, si optava per la rimozione delle stesse e il trasporto dell’avidfauna allìospedale veterniario Cras di Napoli per le cure e la riabilitazione. Si tratta di tre allodole ed un cardellino e una ghiandaia. Purtroppo un’allodola risultava priva di un’ala, forse a causa di colpi d’armi o la cattura medianti le reti e il cardellino privo di un’ala.
Un’altra telefonata giunta al personale dell’Enpa di Salerno riguardava il ritrovamento di un esemplare di poiana impossibilitata a riprendere il volo a causa di danni un’ala, anche in questo caso si sospetta a causa di colpi di fucile. L’esemplare è stato consegnato ai medici veterinari del Crasi Il Frullone di Napoli.

Il personale dell’Enpa, nell’augurarvi buon anno, vi ricorda che i botti sono dannosi sia per la fauna selvatica che per gli animali da compagnia. Molti scappano o muoiono a causa della paura. Festeggiamo ricordandoci di rispettare tutti gli animali

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.