Pasto ‘caro’ all’Università, la Cisl prende le difese dei lavoratori.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
universita_di_salernoAumento del 35% del costo del pasto presso la mensa per i dipendenti dell’Università degli Studi di Salerno. La Cisl prende le difese dei lavoratori.

L’anno nuovo inizia con un’amara sorpresa per i circa 2.000 dipendenti (tecnici-amministrativi, ricercatori e docenti) dell’Ateneo salernitano. Nella giornata di giovedì 7 gennaio, infatti, il personale che si è recato in mensa, per consumare il solito pasto, ha dovuto pagare per il pranzo completo : 7.80 euro a fronte dei 5.80 euro pagati fino a dicembre e previsti dalla convenzione sottoscritta il 19 dicembre 2011 tra l’Università degli Studi di Salerno, all’epoca guidata dal Rettore Raimondo Pasquino e l’Edisu (azienda/Ente per il diritto allo studio universitario) presieduta dal professore Antonio Piccolo.

I vertici dell’Adisu ora, con un provvedimento in contrasto con quanto previsto dalla succitata convenzione e limitandosi a una semplice comunicazione della tabella dei prezzi praticati dalla nuova società appaltatrice del servizio mensa, hanno applicato un incremento economico del costo del pasto pari al 35%.

“Oltre ad avere molte perplessità dal punto di vista formale, ritengo fortemente penalizzante un incremento di tale portata per tutti i dipendenti dell’Università”. Così ha commentato l’accaduto il segretario Pasquale Passamano. “Aggiungo inoltre che il tutto si è concretizzato senza il coinvolgimento degli organi accademici statutari dell’Ateneo (Consiglio di Amministrazione e Senato Accademico) e delle organizzazioni sindacali presenti nel comparto Università”.

Venerdì 8 gennaio, la segreteria generale della Cisl Università di Salerno, ha incontrato i vertici dell’Ateneo salernitano, il Rettore Aurelio Tommasetti, il ProRettore Antonio Piccolo e il Direttore Generale, il dottore Attilio Bianchi, per ribadire il proprio disappunto rispetto alle disposizioni poste in essere dall’Adisu e chiedere di porre in essere tutto quanto necessario per ristabilire le condizioni previste dalla vigente convenzione.

Il sindacato ha chiesto, inoltre, di rivedere tutte le convenzioni tra l’Università e l’Adisu (residenze, borse di studio e servizio mensa) prossime alla scadenza per iniziare a lavorare eventualmente su ipotesi di completamente diverse da quelle attuali e prendendo in considerazioni anche soggetti diversi dall’Adisu.

“Perché se il primo risultato dell’esternalizzazione del servizio mensa ha prodotto un aumento del 35% del costi dei pasti per i dipendenti, viene da pensare che esternalizzare i servizi non è sempre conveniente. Siamo pronti a manifestare tutto il nostro disappunto sia nei prossimi incontri previsti con il Rettore che nelle prossime adunanze del Consiglio di Amministrazione e del Senato Accademico, attraverso i nostri rappresentanti”, ha concluso Passamano.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.