La carica dei tifosi alla Salernitana, ora serve ripartire

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Tifosi_Arechi_Salernitana__4_AllenamentoLa carica dei tifosi era necessaria per respirare un po’ di entusiasmo e ripartire con nuove motivazioni. A prescindere dalla necessità della Salernitana di ricominciare a macinare punti, il derby di Avellino rappresenta una sfida particolare ed è inutile nascondere che i supporters granata gradirebbero il bis, dopo la vittoria all’andata all’Arechi. Ripartire da un risultato positivo nel derby di sabato non sarebbe male per la Salernitana di Torrente che ha necessità di ritrovare fiducia nei propri mezzi, all’inizio di questo girone di ritorno, in cui sarà fondamentale cambiare passo per portare a termine la missione salvezza. Quello di sabato sarà un derby particolare in campo e sugli spalti. Sul rettangolo verde, la sfida tra Avellino e Salernitana è ricca di curiosità.

A partire dagli stimoli che non mancheranno ai calciatori che saranno chiamati in causa. Come Zito, che scende in campo per la prima volta dopo aver svestito la casacca biancoverde e che giocherà con la grinta dell’ex a caccia di riscatto. C’è poi la voglia di presentarsi nel migliore dei modi da parte dei nuovi acquisti approdati in granata, ma anche quelli arrivati in Irpinia. C’è il desiderio di rivincita dei lupi, ai quali brucia ancora la sconfitta incassata all’andata. C’è, infine, la voglia di riscatto del tecnico granata, chiamato a dimostrare che la sua squadra è in grado di rialzarsi e ricominciare a correre. Sugli spalti ci sarà la solita rivalità che storicamente divide le due tifoserie.

Non è un caso che il Partenio Lombardi sia già sold – out a diversi giorni dalla partita. Come spesso accade, la speranza è che il derby sia caratterizzato solo dai classici sfottò sugli spalti. Tra l’altro c’è motivo in più per non alzare i toni. Si chiama solidarietà, quella che nel recente passato ha accomunato nel segno di un obiettivo comune tifoserie rivali, com’è accaduto quando è stata sposata la causa del piccolo Armandino. Lui ha sua partita l’ha vinta, ora c’è un altro bambino che sta giocando la sua sfida più importante: la storia di Matteo, undici anni, piccolo tifoso biancoverde ha già commosso le tifoserie di tutt’Italia. Il piccolo lotta contro una rara patologia degenerativa e proprio ieri ha subito un delicato intervento ed ha bisogno del sostegno di tutti in questo particolare momento. Il derby tra Avellino e Salernitana può diventare il derby della solidarietà. Non c’è bisogno di colpi di testa, ma solo di scena e solo in campo.

Ronaldo_Allenamento
Il centrocampista Ronaldo
Bagadur_Allenamento
Il difensore Bagadur
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.