Salerno: urla e parole grosse nella stanza del Sindaco

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
Comune_Salerno_2---CopiaIl caso Soget ha acceso molto gli animi a Palazzo di Città a Salerno nella mattinata di oggi.La tensione si è vissuta in mattinata nei corridoi del Comune prima della conferenzaprogrammata con i consiglieri di centrodestra (escluso Cammarota) che si sono recati negli uffici del Sindaco per chiudere udienza a Vincenzo Napoli. Dopo aver suonato più volte al campanello della segreteria personale del primo cittadino, decidono di bussare con le mani. Il Sindaco facente funzione vistosamente infastidito li ha fatti entrare nella stanza e dopo un acceso dibattito udito anche da alcuni giornalisti presenti all’esterno è stato fissato un incontro convocato per lunedì.

I Capigruppo dei Progressisti per Salerno, Angelo Caramanno, Anna Ferrazzano, Alessandro Ferrara, Salvatore Gagliano, Pachi Memoli, Marco Petillo Luca Sorrentino, Salvatore Telese hanno sottolineato in un comunicato stampa il loro stupore per quanto accaduto al Comune. Ecco il comunicato inviato alla stampa:

“Apprendiamo con sommo stupore che un gruppo di colleghi consiglieri di opposizione, nella mattinata odierna, si è recato, senza alcun preavviso, nei pressi della stanza del Sindaco Napoli, dal quale, sebbene lo stesso fosse impegnato in attività istituzionali, pretendeva di essere ricevuto immediatamente. I colleghi consiglieri, con vigore e con pugni e spintoni alla porta del Primo Cittadino, spaventando i collaboratori del Sindaco, hanno preteso di entrare facendosi accompagnare, tra l’altro, da un nutrito gruppo di operatori della stampa.

A prescindere dall’oggetto delle presunte recriminazioni, e ferma restando la piena e notoria disponibilità del Sindaco al democratico confronto, ci sembra che stavolta si sia trattato di un grave atto di scorrettezza istituzionale e di tentativo di forzatura nei confronti del Sindaco stesso e dell’Amministrazione Comunale, che va ben oltre le prerogative dei Consiglieri Comunali e ben oltre le regole dell’educazione e le posizioni politiche.

Sebbene il Sindaco abbia già replicato con la necessaria fermezza per riportare la situazione nel giusto alveo istituzionale, esprimiamo piena condanna per questo tristissimo episodio ed invitiamo i colleghi ad una più sobria e corretta manifestazione delle proprie opinioni.”

Ovviamente non si è fatta attendere la contro risposta dei gruppi di opposizione che riportiamo fedelmente:

“Apprendiamo, stupiti, di un comunicato scritto a comando da alcuni colleghi di maggioranza che, senza neppur essere presenti a quanto accaduto, si sono cimentati in una favolosa rappresentazione della realtà.

Questa mattina ci siamo, con garbo e l’educazione che ci contraddistingue, recati innanzi la stanza della Segreteria del Sindaco bussando al campanello più volte ed attendendo,  per svariati minuti, che qualcuno ci aprisse.

Successivamente, ci si è poi limitati a bussare alla porta dell’ufficio del Sindaco con la mano senza aver fatto ricorso ad alcun atteggiamento irrispettoso.

Ci saremmo aspettati che i Consiglieri di maggioranza avessero, invece, stigmatizzato l’atteggiamento poco istituzionale di chi si consente di lasciare fuori dalla porta degli eletti che si erano recati presso la Segreteria del Sindaco per chiedere, con educazione, un appuntamento per difendere i diritti dei cittadini salernitani.

Capiamo il nervosismo degli esponenti di maggioranza, costretti evidentemente in modo goffo, a difendere l’atteggiamento aggressivo, inopportuno e famelico della Soget e dell’Amministrazione che pensano di fare cassa invadendo le case dei cittadini salernitani con accertamenti spesso infondati ed inopportuni, ma biasimiamo che lo facciano  con l’arma della menzogna e della distorsione della realtà.

A tutto quanto mal rappresentato dai colleghi, del resto, hanno assistito giornalisti di TV e carta stampata che hanno potuto riscontrare l’ennesimo episodio di scarsa trasparenza amministrativa e di prevaricazione delle funzioni di Consigliere cui si tentava di impedire di accedere presso un pubblico ufficio al solo fine di chiedere un appuntamento con il primo cittadino per difendere i diritti di contribuenti vessati da pretese impositive infondate.”

 

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. La più che ventennale arroganza, prepotenza e rifiuto della trasparenza che contraddistingue l’amministrazione è stata dimostrata ancora una volta. Invece di continuare a fare, come da vent’anni, i servi sciocchi del servo sciocco del padroncino, cominciate a tirare fuori la dignità che avete messo sotto i piedi pur di entrare e rimanere nella schiera dei servi sciocchi. Fate vedere alla città un minimo di trasparenza che da vent’anni è scomparsa da palazzo di città. Siete stati eletti dai cittadini, tutti, rendete conto ai cittadini del vostro operato. Basta YES MEN, i salernitani vogliono gente con gli attributi e se voi della maggioranza non li avete, come in effetti non li avete, rinunciate al mandato, tornate al vostro lavoro e cercate di riacquistare la dignità che avete calpestato pur di leccare il vostro padrone!

  2. per la redazione.
    come mai il mio commento fatto oggi alle 15,00 circa non è stato passato?
    non è un problema, ma ero convinto che venissero pubblicati tutti, indipendentemente dal loro contenuto.

  3. Mi raccomando la prossima volta una richiesta in carta bollata alla maggioranza…..ed un invito a cena a quel tizio facente finta che non ha mai votato nessuno
    Poveri servi e maggiordomi della maggioranza, ma chi credete che vi abbia fatto diventare consiglieri comunali…??? Lo spirito santo?!?
    Fate le persone serie e non i pupazzetti, occupatevi concretamente dei problemi dei cittadini invece di impegolarvi pretestuosamente al galateo istituzionale e a pippe varie.
    Fa specie vedere quale firmataria del comunicato della lealtà e del bonton anche il nome della Ferrazzano. Una che di correttezza istituzionale se ne intende. Vergogna buffoni!!!!

  4. Credo, come al solito, si fa solo un gran baccano per coprire la realtà.
    Spremere soldi dai cittadini salernitani fa comodo alla maggioranza e all’opposizione. Nessuno indica che, a parte gli eventuali errori che possono essere sempre corretti, il Comune sta notificando al contribuente, a mezzo posta con raccomandata, il pagamento riferito agli anni oltre la scadenza del quinto anno successivo a quello accertato. In pratica ora, gennaio 2016, richiede il pagamento anche per gli anni 2009 e 2010 ormai già DECADUTI.
    Ci fanno pagare sette anni e senza poterli rateizzare, perché in questo caso non si avrebbe la riduzione di 1/3 per il pagamento entro i 60 giorni. I politici si divertono a fare “ammoina” e noi ci indebitiamo per pagare. Mai più andare a votare!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.