Che cos’è la democrazia (o del governo dei rapporti economici) di Angelo Giubileo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
angelo_giubileo_2Ma, davvero la democrazia è solo una questione di rappresentanza e, in definitiva, di elezione dei rappresentanti da parte dei rappresentati, dei governanti da parte di tutti i cittadini che fanno parte dell’intera comunità? Ed è vero che può dirsi davvero democratica solo quella comunità in cui il voto sia in effetti libero e uguale o, detto in altro modo, all’interno di ogni comunità co-(r)rispondente sia garantito e tutelato il suffragio universale?

Oggi (n.d.r.: luglio 2013) si contano 117 democrazie elettive, fondate cioè sulla procedura delle elezioni, su un totale di 195 paesi. Tra queste, 90 sono considerate democrazie effettive”(Van Reybrouck).

Anche attraverso le parole di Van Reybrouck ritorna il tema, che attraversa i millenni, e ripropone il “nodo gordiano”, che più di tutti a quanto pare occorre sciogliere, dell’effettività del sistema denominato democrazia. Certo è che i millenni hanno il portato del cambiamento, che accade. Ovvero, il de-stino, che è: lo stare dell’essere e l’essere dello stare medesimo. Unica costante, che apparentemente permane, il principio di regolazione dei rapporti tra elettori ed eletti. Ridurre pertanto l’intera questione al fatto elettorale è cosa piuttosto banale, tanto da apparire tutto sommato inutile.

Van Reybrouck stabilisce quindi, già in apertura, che la questione di ogni sistema politico, e quindi anche la stessa forma della democrazia, “deve trovare un equilibrio tra due parametri fondamentali: l’efficienza e la legittimitàL’efficienza corrisponde alla capacità d’agire, la legittimità al sostegno dei cittadini all’azione pubblica”. E qui, il parametro dell’efficienza sembra pertanto precedere l’altro parametro prefissato della legittimità; come se il cittadino moderno(confesso che preferirei usare l’aggettivo sostantivato postmoderno), a differenza del cittadinoantico, debba essere pubblicamente capace di agire per essere legittimato, e non esattamente il contrario. Prima di arrivare al voto, che lo elegga, il candidato deve infatti dare prova pubblicamente di ogni sua capacità o incapacità, peraltro, a quanto pare, non solo di governo.

Angelo Giubileo

(Parte IV – continua)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.