M5S: De Luca, senza sentenza sindaco Capuozzo non si dimetta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
de_luca_regione_nuova“La Capuozzo non si deve dimettere fino a quando non c’è una sentenza della magistratura che la condanna”: lo ha detto il presidente della regione Campania Vincenzo De Luca a margine di un’audizione parlamentare sula terra dei fuochi.

“Chiaro che poi in questi casi ci sono ragioni di opportunità politica che il sindaco valuterà nella sua piena autonomia”, ha aggiunto. “Io non sono abituato a fare politica su queste vicende”, ha chiarito De Luca.

“Però quando parliamo di istituzioni parliamo di cose serie. La magistratura – ha osservato il governatore – vada avanti senza guardare in faccia a nessuno e questa regola vale per i 5 Stelle, per il Pd e per tutti. Noi dobbiamo essere sereni e accettare il controllo di legalità da parte dell’autorità giudiziaria. Ma le istituzioni – ha detto ancora il governatore – vadano avanti finché non ci sono ragioni ostative”.

“Io mi auguro che da questa vicenda di Quarto emergano due considerazioni condivise: la prima – ha spiegato De Luca – è che la battaglia contro la camorra non è questione privata di qualcuno, ma bensì deve appartenere a tutti i cittadini per bene; e, d’altra parte, mi auguro che i nostri amici 5 Stelle comincino a fare le persone serie e la finiscano di parlare come un disco rotto sulla casta, la moralità e quant’altro. Quando si passa dalla chiacchiera a ruota libera alla realtà vera e al governo – ha concluso il governatore campano – bisogna fare i conti con la realtà, che è maledettamente complicata”.

Sulla Terra dei fuochi: “Bisogna vincere questa battaglia, altrimenti la Campania è perduta. Stiamo facendo di tutto per garantirci sotto il profilo amministrativo – ha spiegato nel corso di un’audizione in Commissione sul ciclo dei rifiuti – anche naturalmente con l’aiuto dell’Anac e del giudice Raffaele Cantone. Contiamo anche sull’aiuto delle forze dell’ordine per far sì che nessuno possa asportare i rifiuti dai territori. Ed è anche per questo che serve un migliore sistema di vigilanza di quei territori. C’è stato – ha aggiunto De Luca – un intreccio perverso tra le clientele pubbliche e il consenso: bisogna spezzare questa logica, cercando il consenso sulla capacità di risolvere i problemi, e non sulla capacità di gestire attività borderline”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.