Emergenza freddo: bancomat aperti e chiese chiuse, la storia di un ottantenne

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
clochard_bancomat“A Napoli, il freddo di questi giorni sta mettendo a rischio la vita delle tante persone che vivono per strada ma nella catena di solidarietà che si è creata e alla quale partecipano attivamente anche le banche, lasciando aperti i locali che ospitano i bancomat per permettere ai senza fissa dimora di trovare uno spazio meno gelido dell’aria aperta, ma, incredibilmente, manca ancora la presenza della Chiesa cattolica”. A denunciarlo il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e Gianni Simioli nel corso de La radiazza precisando che “tanti preti e tante suore sono in prima linea nell’aiutare i senza fissa dimora, ma le porte delle Chiese continuano a restare chiuse di notte quando potrebbero offrire un riparo ai clochard e alcuni parroci continuano a tenere addirittura quelle odiose barriere per impedire ai senza tetto di ripararsi sulle scale delle parrocchie”.

“E’ davvero incredibile vedere come molti parroci di Napoli e provincia non rispettino in alcun modo le indicazioni e le esortazioni di Papa Francesco che ha invitato a occuparsi degli ultimi, di quelli che più hanno bisogno di un aiuto concreto da parte della Chiesa” hanno aggiunto Simioli e Borrelli auspicando “l’apertura delle porte delle Chiese per evitare di dover constatare la morte di altre persone per il freddo di questi giorni”. “Andando in giro per strada per tentare di aiutare chi non ha un posto dove andare si incontrano tante storie, come quella di un ottantenne che cerca riparo in un’area bancomat lasciata aperta dove passa la notte leggendo il giornale, l’unica cosa a cui non rinuncia nella sua vita randagia” hanno concluso Borrelli e Simioli sottolineando che “quando qualcuno chiama la polizia per farlo andare via, gli stessi agenti intervengono a malincuore perché non è una persona pericolosa, ma ha solo bisogno di un posto caldo dove ripararsi”.

Chiesa_chiusa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Se poi aprono le porte, qualcuno criticherà la Chiesa perché non sa stare al suo posto e si sostituisce allo Stato nel dare assistenza…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.