Il mercato della Salernitana non convince. Mammarella ‘punge’ i granata

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa

salernitana_reggina_66_fabiani_campo_menichiniMilinkovic rescinde e si accasa al Genoa (da dove potrebbe ripartire, avendo ricevuto richieste da Lanciano, Ascoli e Pescara), Lanzaro rescinde e firma un biennale con il Foggia. Nulla di nuovo. Di cessioni, dalle quali magari ricavare un gruzzoletto da reinvestire, neanche l’ombra. Di certo, al di là dell’incentivo all’esodo, le casse del club sono state sgravate del peso di due stipendi (robusto soprattutto quello di Lanzaro), ma la sensazione è che le operazioni potessero essere condotte in maniera diversa. Altri dubbi, poi, affiorano ascoltando le dichiarazioni di Mammarella, che si congeda da Lanciano e spiega perchè ha detto no alla Salernitana, preferendo un’offerta analoga da parte della Pro Vercelli, con tutto il rispetto non di certo il Real Madrid.

Considerando che anche Braafheid (come Morrison) non intende scendere di categoria, resta da capire come vorrà muoversi ora Fabiani per l’out mancino (Franco era sul mercato, ma a questo punto potrebbe anche rimanere). Dubbi sul mercato condotto fin qui ce ne sono: la Salernitana ha portato a termine sei operazioni, ma tre giocatori sono arrivati dalla Lazio, Ceccarelli (fermo da sei mesi) è un prestito, Bagadur (prospetto interessante, a fine campionato tornerà alla Fiorentina che non ha fatto inserire possibilità di riscatto), insomma l’unico elemento giunto a titolo definitivo è Zito, che con l’Avellino aveva rotto e che di certo non è più un ragazzi, ma comunque elemento di comprovata affidabilità. Per una squadra che deve viaggiare ad una media da playoff nel girone di ritorno per centrare la salvezza e che dovrebbe porre le basi per un futuro solido non sembra il top.

Il club s’è concesso una settimana di pausa per consentire all’allenatore di preparare al meglio (col materiale umano a disposizione) lo scontro da dentro o fuori col Brescia. Dall’inizio della prossima settimana è lecito attendersi qualche altro rinforzo (per Torrente o per chi lo sostituirà non si sa). Con Schiavi ancora out, serve un altro centrale (Rea è stato messo in stand by, si potrebbe riprovare per Cremonesi del Crotone, a quel punto uno tra Tuia e Trevisan potrebbe partire). Serve, poi, un innesto in mediana, dove urge un elemento con caratteristiche diverse da quelle dei giocatori attualmente presenti in rosa, un giocatore di qualità e di corsa, che possa garantire anche qualche gol (a meno che la società non torni sui suoi passi e dia una chance di riscatto a Sciaudone).

Serve un’alternativa a Gabionetta in avanti (sempre che il brasiliano alla fine non venga inserito in qualche trattativa in uscita) e serve un attaccante che garantisca gol, sebbene in organico un bomber ci sia, Donnarumma (1 gol ogni 185 minuti per lui), e non venga utilizzato. Per quanto riguarda le manovre in uscita, Pestrin è richiesto dal Martina come Perrulli (che non ha trovato l’accordo con la Lupa Roma ed ha offerte pure da Casertana e Siena).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Lotito ha chiuso la cassa che è comunque vuota. Al massimo potrà arrivare da Roma qualche giovanotto della Primavera. Niente di più. oppure vendere qualche giocatore che ha mercato per comprare….qualche scartina.

  2. Non illudiamoci più: l’era Lotito è giunta al tramonto e la salernitana è condannata alla retrocessione!

  3. Servirebbe con calma un chiarimento da parte della Società circa obiettivi presenti e futuri, sul perché il mercato ha prodotto questi risultati, e soprattutto se Salerno è ancora un investimento oppure no.

  4. Ah , Alfonso Carella, comunque tu e le tue violente volgarità siete la vergogna di Salerno. E ti firmi pure. Senza Lotito e Mezzaroma dove eravamo? Sarei contento di non leggerti più. Citando l’ottimo De Luca, ti diciamo: <>.
    Un’alternativa sarebbe l’azionariato popolare: 1000 euro a famiglia per 50mila famiglie della provincia, si raccoglierebbero 50 milioni, ottimi per alcuni buoni campionati di B. Ma quante famiglie realisticamente potrebbero aderire? Nessuno l’ha proposto mai sul serio . Potrebbe farlo la Società attuale (suggerimento) per rafforzare il patrimonio sociale, se è questo il problema.

  5. Purtroppo in Italia questa cosa non ha mai attecchito e dubito seriamente che nel Sud 50.000 famiglia facciano un investimento a perdere come questo. La mia sensazione, anche se accentuata dalla pessima situazione, è che la Salernitana abbia si conquistato la B, ma vendendosi l’anima al diavolo senza pensare che una società così non avrebbe mai potuto fare progetti a lunga scadenza. Il dilettantismo di Fabiani, noto per avere fatto fallire tutte le squadre dove è stato, è la dimostrazione del pressapochismo del personaggio Lotito così come questo calciomercato, che era fondamentale e che fin qui ha indebolito la rosa invece di rinforzarla. Io onestamente credo che qualora si preservasse la B, bisognerebbe onestamente chiedere a Lotito chiarezza o vendita della società. L’Avellino ha avuto fortuna con Taccone, ma non credo che visto quello che ha dimostrato Salerno come pubblico, non si trovi un imprenditore che se la prenda, oltretutto con una società senza debiti rilevanti.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.