Cgil, Cisl e Uil Salerno: ancora annunci sulla sanità e nessuna proposta complessiva

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
bandiere-cgil-cisl-uilCgil, Cisl e Uil intervengono in merito alle notizie e che anticipano i punti di un riassetto della rete ospedaliera e dei servizi proposti dalle ASL che destano perplessità e preoccupazione.

A cominciare dalla destinazione paventata per l’ospedale Da Procida, unico centro di riabilitazione del servizio pubblico in provincia di Salerno.

Dovrebbe essere sede di un ospedale di comunità , o, come più comunemente conosciuto, una casa della salute, una delle quattro, a quanto si legge sui quotidiani, che interesseranno la provincia di Salerno.

“Ci piacerebbe capire” – hanno affermato i Segretari Generali Di Serio, Buono e Pirone – “l’attività attuale del Da Procida, unico centro di riabilitazione pubblica della provincia, da chi sarà svolta. O forse la riabilitazione deve diventare un affare dei privati”.

Ma quello che preoccupa maggiormente i sindacati confederali è la continua mancanza di confronto sui temi della salute.

Le istituzioni preposte fanno conoscere orientamenti e decisioni scelte soltanto dai mezzi di comunicazione e continua a mancare un tavolo regionale di confronto tra le parti per addivenire ad una riorganizzazione del sistema sanitario in Campania che sia complessiva e condivisa.

La Sanità in provincia di Salerno è diventata una vera e propria emergenza.

L’attuale situazione è, a dir poco, allarmante:

  • 600 posti letto persi tra il 2013 e il 2014 nella sola provincia di Salerno a fronte di circa 6.000 persi in tutta la Campania, con il risultato di un numero di posti letto inadeguato rispetto alla popolazione della provincia salernitana;
  • distretti sanitari non rispondenti alla loro funzione, tanto per la prevenzione che come filtro prima dell’affido ad una struttura ospedaliera, con conseguente ingolfamento delle attività di pronto soccorso;
  • assenza di una vera rete con i medici di base.

Contemporaneamente, il blocco del turnover e i pensionamenti di questi ultimi anni, con 16.000 unità in meno nel settore in tutta la Campania, di cui circa 4.500 solo in provincia di Salerno, hanno fortemente ridotto il personale, con numeri non più sufficienti a garantire un servizio rispondente alle esigenze dei cittadini.

Per Cgil, Cisl e Uil occorre:

  • definire immediatamente le linee guida da mettere in campo per la Sanità in Campania;
  • autorizzare da subito, in via straordinaria, nuove assunzioni attraverso la mobilità interregionale e con contratti a tempo determinato, assumere tutto il personale precario, sbloccare il turn over e indire nuovi concorsi;
  • ridefinire i fondi contrattuali;
  • riorganizzare la rete territoriale per le strutture ospedaliere, i distretti sanitari e i medici di base in rapporto alle esigenze di un territorio così esteso e con una precaria mobilità territoriale come quello salernitano, riorganizzando anche la rete di emergenzain ragione della mobilità delle zone disagiate;
  • raggiungere la piena integrazione delle attività dell’Università di Salerno e l’Azienda ospedaliera del Ruggi;

 

Per il raggiungimento degli obiettivi proposti, occorre aprire necessariamente un tavolo di confronto regionale tra le OO. SS., il Commissario alla Sanità e la Regione Campania.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Concorsi nuovi? e il concorso della legge 69/99 fatto 4 anni fa quando li prendiamo dobbiamo essere sempre noi penalizzati senza lavoro e senza curarci.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.