Il salernitano Leonida Primicerio, da ‘soldato’ dello Stato a Procuratore generale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

leonida-primicerio-da-soldato-dello-stato-a-pro-100325Al numero uno del protocollo dell’ufficio romano di sorveglianza dei collaboratori di giustizia c’è il fascicolo che riguarda Mario Pepe, il primo a pentirsi. Era il 1992. La legge sui collaboratori di giustizia era da poco stata approvata. Le sue rivelazioni consentirono di rompere la coltre di silenzio sugli equilibri camorristici in Campania. Da quel momento Pepe avrebbe fornito elementi importanti sia sulla decennale guerra di camorra tra la Nco di Cutolo e la Nuova famiglia di Alfieri e Galasso che sulla faida che insanguinò l’Agro Nocerino.

La firma di quel procedimento è di Leonida Primicerio. All’epoca era sostituto procuratore a Salerno, “un soldato” come si è definito il magistrato mercoledì mattina quando è stato nominato procuratore generale presso la Corte d’Appello di Salerno. Visibilmente commosso, nel discorso che ha fatto seguito alla sua firma di accettazione della nomina, ha sottolineato proprio quanto quel periodo di formazione sia stato importante per la sua carriera. Primicerio torna a Salerno dopo aver trascorso sei anni a Roma alla Direzione nazionale Antimafia.

Nocerino, uomo di profondi valori e di grande umanità, il neo procuratore generale ha sempre lavorato lontano dai riflettori mediatici. Le sue passioni, oltre al lavoro, la pallacanestro e il calcio. Da giovane, quando frequentava il liceo classico Gian Battista Vico, era un punto fermo della Folgore e poi della Ship, club nato dalla voglia di cambiamento di un gruppo di ragazzi.

Grazie al Vico ed al basket conobbe la sua compagna di vita, Ilde. Poi il calcio. Quando poteva scappava in un campetto alla periferia di Nocera, la “vasca”, per la partita con gli amici. Il suo agonismo era sempre massimo. La domenica, lavoro permettendo, era sugli spalti dello stadio San Francesco per tifare Nocerina.

«Ma il mio ritorno a Salerno – ci ha detto Primicerio – se da un lato mi rende felice, dall’altro mi costringerà, tranne se ci sarà un miracolo, a rinunciare alla partita con gli amici, colpa di un malanno ad un ginocchio».

Quello che è certo è che la giustizia del distretto di Salerno si riappropria di un magistrato di grande valore che certamente saprà dare risposte concrete alla domanda di giustizia dei cittadini. Nello stesso giorno della nomina di Primicerio ha preso possesso dell’ufficio di presidenza della Corte d’Appello il giudice Iside Russo proveniente dal tribunale di Reggio Calabria.

Fonte il Vescovado

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.