Sant’Arsenio: bimbo rapito dalla madre, padre lo riabbraccia a Caracas 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
salerno_bambino_conteso_abusiDopo quasi cinque anni è riuscito a ritrovare il figlio, che era stato condotto illegalmente in Venezuela dalla madre. Sergio S., operaio di Sant’Arsenio, 43 anni, si trova ora a Caracas e da qualche ora ha rivisto il piccolo, di otto anni, in un’aula del tribunale della capitale. “Sono felicissimo di aver riabbracciato mio figlio”, dice al telefono con il suo legale, Enrico D’Amato. A ritrovare il piccolo – come riferito oggi nell’edizione salernitana del quotidiano Il Mattino – sono stati degli investigatori privati su iniziativa dell’operaio, che in passato aveva rivolto anche appelli al presidente della Repubblica Napolitano ed al capo dello Stato venezuelano. “Ci appelliamo a tutte le autorità italiane competenti perché ci aiutino a far rientrare in Italia Sergio e suo figlio. Il tribunale italiano ha affidato al padre il piccolo Francesco. Ora speriamo nell’intervento dell’ambasciata italiana perché tutto ciò accada”, dice all’ANSA l’avvocato D’Amato.
La storia inizia nel 2010. L’operaio vive con la sua giovane moglie venezuelana ed il loro figlioletto a Sant’Arsenio, piccolo centro del Vallo di Diano a sud di Salerno. Nell’ottobre di quell’anno la donna si reca in Venezuela con suo figlio per una visita di alcuni giorni presso i suoi genitori, ma si rende irreperibile. Sergio denuncia il tutto all’autorità giudiziaria. A distanza di un anno si reca a Caracas e, con l’aiuto di investigatori privati, rintraccia la donna che gli concede di poter vedere il piccolo Francesco per sole due ore al giorno per una sola settimana. L’operaio torna in Italia, e nel 2012 l’alta Corte venezuelana si esprime in favore del rimpatrio in Italia del piccolo Francesco. La madre ritorna in Italia per presenziare ad un’udienza della causa di separazione, ma viene arrestata con l’accusa di sottrazione di minore all’estero. Riesce però ad evadere dal regime degli arresti domiciliari che stava scontando presso la propria abitazione di Sant’Arsenio facendo perdere ogni traccia. A distanza di qualche mese si scopre che, con documenti falsi, è riuscita nuovamente a rientrare in Venezuela. Da allora si perdono nuovamente le tracce sue e del piccolo, fino al nuovo ritrovamento. (ANSA).
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.