Auto dei Vigili senza assicurazione, blitz di Striscia la Notizia ad Agropoli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Auto_Vigili_assicurateL’inviato si Striscia la Notizia Luca Abete torna nel salernitano e fa tappa a Capaccio, per occuparsi una vicenda particolare ovvero quella delle cosiddette ‘assicurazioni invisibili’. Da un pò di tempo a infatti non è più obbligatorio per i cittadini esporre sul parabrezza della propria auto il contrassegno assicurativo, ma basta conoscere il numero di targa per avere conferma della copertura o meno dell’RCA.

Luca Abete ha voluto ‘controllare’ alcuni veicoli della Polizia Municipale ed eseguendo la ricerca ha scoperto che molti di questi non sarebbero in regola perchè risultati senza copertura assicurativa. Nel servizio andato in onda giovedì 28 gennaio nel Tg satirico di Canale 5, affidandosi al “portale dell’automobilista”, sito del Dipartimento Trasporti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti vengono evidenziati i risultati delle ricerche mentre al Comune di Capaccio vengono mostrate tutte le polizze assicurative regolarmente sottoscritte che certificano la regolarità dei veicoli in dotazione.

Dopo un intervento dei Carabinieri ed un summit tra le forze dell’ordine viene comunicato all’inviato di Striscia che si era verificato un ritardo di comunicazione del rinnovo delle polizze tra la sede centrale dell’Agenzia assicurativa e l’ANIA (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici) che portava al risultato del “non in regola” dei veicoli attraverso il sito del Ministero dei Trasporti. Andando a controllare successivamente sempre sul “portale dell’automobilista” adesso tutte le vetture analizzate sono risultate assicurate.

CLICCA QUI PER VEDERE IL SERVIZIO DI STRISCIA LA NOTIZIA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Ehh il pelatino irpino ha fatto un’altra delle sue figuracce, avete notato che non fa mai servizi sulla sua Irpinia? Mai un servizio sull’inquinamento della Solofrana, per carità poi si rischia che condannano le aziende della zona e rischiano i licenziamenti per le famiglie irpine, quelli hanno dovuto aspettare a San Ciriaco per vedere il primo sviluppo industriale dell’Irpinia…..guai a chi li tocca

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.