Ruggi, la rabbia dei sindacalisti: “Stanchi di essere scenario di scontri di potere”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
ospedale_ruggi_croce_bianca«Ora basta, il Ruggi è stanco». A dirlo  i dipendenti dell’azienda ospedaliera che replicano alle accuse di assenteismo.  Lo fanno attraverso un duro documento della Rsu, nel quale ripercorronole responsabilità politiche, dirigenziali e anche interne allo stesso sindacato. «Il Ruggi è stanco di essere lo scenario di scontri di potere, che nulla hanno a che fare con la salute dei cittadini – recita la nota della rappresentanza sindacale unitaria – È stanco di essere il trampolino per carriere fulminanti di dirigenti, che costruiscono le loro promozioni non sul miglioramento dei servizi, ma sul grado di fedeltà e sul grado di aggressività sociale nei confronti degli utenti e dei lavoratori più deboli».

«Il Ruggi è stanco di lottare e resistere contro tutti i tentativi di impoverirlo, destrutturarlo e ridurne le potenzialità per meglio distribuire le risorse ai privati e ad eventuali gruppi assicurativi – continua – È stanco di essere continuamente attaccato e la sola colpa di riuscire a fornire tutti i servizi e risposte sanitarie ai cittadini grati al lavoro e all’impegno di tanti lavoratori assenteisti a fronte di una sanità provinciale ridotta a uno stato comatoso».

Sul clamore mediatico che c’è sul Ruggi dopo alcuni casi i sindacati scrivono: «È stanco dello squallido scenario offerto da un circo di nani, ballerini, finti collaboratori di giustizia, finti indignti e finti dirigenti – tuona ancora il documento–È in atto la piùgrande truffa mediatica del secolo: utilizzando alcuni (pochissimi assenteisti), solleticando così la giusta sete di giustizia e l’indignazione popolare, la strumentalizzano per distruggere l’unica azienda sanitaria seria e completa del territorio.  Nessuno vorrebbe lavorare in un’azienda dove vige una vera e propria caccia alle streghe, portata avanti da dirigenti che non hanno etica e coscienza collettiva».

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Questo oramai e’diventato sport Nazionale.Ma chi controlla i controllori? LORO SONO TUTTI COSI’ ONESTI? PERCHE’NON HANNO AD ARRESTARE ANCHE I POLITICI ASSENTEISTI CHE SONO PAGATO PROFUMATAMENTE DA NOI? I dipendenti pubblici traditori devono pagare, ma anche gli altri pero’

  2. Come direbbe qualcuno che ciazzecca lo scontro politico con chi timbrare il cartellino é se ne va anche a mare. Spero che siate licenzia e andiate a raccogliere i omodori sotto una serra a 50 gradi 10 euro al giorno. Fate schifo.

  3. pochissimi, almeno per me, equivale a zero virgola qualcosa….max 1 percento….bah !!

  4. immagino che pochissime…sono considerate anche le sigle sindacali che sguazzano nel mare magnum della sanità pubblica….infatti, all’ultima scampagnata innanzi alla sede di Via Nizza c’era un comunicato firmato appena da 10 (dieci…) sigle !!…..ri-bah !!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.