Sbandieratori Cava de’ Tirreni: un patrimonio da valorizzare

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

sbandieratori            Si è tenuto nel pomeriggio di ieri 29 gennaio, a Palazzo di Città, un incontro con le associazioni degli sbandieratori cavesi in preparazione di un progetto comune che sostenga, valorizzi e rilanci l’attività dei sodalizi, vanto della Città di Cava de’ Tirreni in campo nazionale ed internazionale.

Coordinato dall’Assessore ai rapporti con enti e associazioni, Enrico Polichetti, hanno preso parte all’incontro, oltre ai Consiglieri comunali, Annetta Altobello e Giuliano Galdo ed alla presidente nazionale della FISB (Federazione Italiana Sbandieratori), Antonella Palumbo, i rappresentanti di: Città Regia, Matteo Lodato; Torri Metelliane, Dino Di Marino, Francesco Pisapia, Gertrude Barba; Sbandieratori Cavensi, Felice Sorrentino; San Niccolò, Francesco Di Martino; Università de la Cava, Antonio Siani. Assente l’Associazione Sbandieratori Città de La Cava.

L’intento dell’Assessorato è quello di promuovere l’aggregazione tra le diverse associazioni degli sbandieratori cavesi, attraverso un protocollo d’intesa che possa avviare una progettazione unitaria per meglio competere con le altre realtà nazionali. Un movimento, quello degli sbandieratori, che affonda le radici agli inizi degli anni ’70 e che non è secondo a nessuno in Italia per numero di affiliati, per la grande preparazione tecnica e atletica dei gruppi, per i costumi d’epoca rinascimentale di grande pregio e che ha portato il nome della Città di Cava de’ Tirreni in giro per il mondo.

“Abbiamo la tradizione, abbiamo un patrimonio di uomini e donne di grandissimo spessore, una valenza riconosciuta in tutto il mondo – afferma l’Assessore Polichetti – dobbiamo però mettere meglio a frutto questo vero e proprio capitale, nell’esclusivo interesse dei gruppi stessi e della Città. Un obiettivo che va raggiunto a tutti i costi e che possiamo perseguire solo con l’unità. Solo così possiamo competere con altre città che meglio hanno saputo sfruttare le opportunità offerte in ambito nazionale ed internazionale. Dobbiamo iniziare a ragionare in termini di prodotto, quello che hanno saputo costruire in tutti questi anni le nostre associazioni con grande sacrificio e che non sempre si è riusciti a promuovere come merita”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.