San Valentino Torio: Carabinieri in prima linea per il contrasto al bracconaggio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
cardellini sequestratiConcluse da poco, con la convalida dei sequestri, le operazioni effettuate nei scorsi giorni. Nonostante i molteplici incarichi assolti dai Carabinieri della Stazione di San Valentino Torio, i militari non sottraggono tempo ai servizi dedicati alla salvaguardia della Fauna selvatica.

Nelle ultime settimane sono stati diversi i sequestri di avifauna illecitamente detenuta dai locali cittadini. Sono stati sequestrati 20 esemplari di Cardellino. I reati commessi spaziano dal furto venatorio al maltrattamento e detenzione di fauna particolarmente protetta.

Da queste parti è ancora diffusa l’usanza di detenere e catturare Cardellini” – commenta il Maresciallo capo Umberto Alfieri, vice comandante della locale Stazione dei Carabinieri – “il fenomeno è in calo, anche grazie alla nostra presenza. E noi continueremo a denunciare questi reati, reati contro la Natura a cui si affiancano altre illegalità di natura economica, il mercato dei Fringillidi muove somme ingenti“.

Questi animali vengono catturati e allevati col solo scopo di sentirli cantare. Più il canto presenta determinati requisiti, più il suo valore aumenta. Il commercio di Cardellini e altri fringillidi ha una rilevanza da non sottovalutare. Il metodo di uccellagione adottato è la cattura con  reti che vanno dai 5 ai 10 metri, azionate a mano dal bracconiere.

La rete, stesa  in corrispondenza di piante, sementi e acqua che hanno la funzione di attirare i Fringillidi, viene attivata mediante funi e si catapulta sugli animali che si avvicinano. Si fa inoltre uso di richiami acustici e di uccelli vivi usati come zimbelli, entrambi vietati dalle normative vigenti. Minima la percentuale di esemplari che sopravvive a queste catture, la maggior parte muore in pochi giorni, non abituata alla prigionia. Una morte derivante da sfinimento, ferite provocate dallo sfregamento con le sbarre nel tentativo di liberarsi, fame. I pochi sfortunati sopravvissuti passeranno la loro vita in gabbie di 30 cm.

“Abbiamo collaborato con i Carabinieri di San Valentino Torio nel contrasto a questi atti di bracconaggio” – commentano i volontari dell’Enpa di Salerno – “a loro va il nostro più sentito ringraziamento per la sensibilità e la professionalità dimostrata nella salvaguardia del nostro patrimonio faunistico”. 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.