Cuoco salernitano nei guai: è accusato di aver violentato la figlia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
violenza_bambina_salernoUn quarantenne cuoco salernitano è accusato di abusi sessuali nei confronti della figlia. Secondo la ricostruzione dell’accusa l’uomo molestava e violentava la piccola quando rientrava da lavoro. L’uomo, in considerazione del lavoro al ristorante, rientrava sempre a tarda notte con la moglie, una trentaquattrenne salernitana. che era già da tempo a letto. Il cuoco salernitano si introduceva nella stanza e compiva atti sessuali nei confronti della piccola. Una ricostruzione che avrebbe fornito direttamente la bambina.

.«Quando mamma non c’era, o era da un’altra parte della casa, papà mi baciava sulle labbra». Ma il 40enne non si sarebbe soffermato solo a quei baci che lui stesso-poi- si è giustificato dicendo che erano atteggiamenti di natura affettiva. «Di notte, quando mamma dormiva, entrava in stanza da letto dicendomi quanto sei bella».

Quindi il presunto orco, in più occasioni, si sarebbe denudato toccandola nelle parti intime. Quei momenti, interminabili, furono raccontati dalla bambina alla madre che- senza farne parola con il marito-denunciò la vicenda. Scattò l’indagine e fu informata la procura presso il Tribunale di Salerno che aprì un fascicolo d’inchiesta a carico del cuoco, ora accusato di violenza sessuale aggravata e continuata nei confronti di minori inferiori a 11 anni. Gli inquirenti, poi, facendo proprie le dichiarazioni e le testimonianze di mamma e figlia decisero di formulare una richiesta di rinvio a giudizio che è approdata davanti al giudice delle indagini preliminari presso il Tribunale di Salerno Donatella Mancini che ha stabilito l’incidente probatorio da tenersi nella giornata di giovedì prossimo.

La storia è del 2010 ma è emersa solo verso la fine dello scorso anno dopo una serie di indagini effettuate dai carabinieri su input della Procura che avrebbero stabilito gravi indizi a carico del 40enne salernitano. Lui si è sempre difeso dicendo che quei racconti fatti dalla bambina erano solo frutto della sua fantasia e che la madre avrebbe nutrito dell’astio nei suoi confronti, servendosi poi della figlia per «fargliela pagare». A darne notizia il quotidiano Metropolis oggi in edicola

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.