Allagamenti nel Centro Storico: Comune costituisce un gruppo di tecnici

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
negozi_allagatiL’acqua è scesa ma non ancora ad un livello tale da eliminare i problemi per tutti. Le infiltrazioni registrate nei locali sotterranei del centro di Salerno stanno diminuendo. Tra via Mercanti e piazza Portanova l’acqua non compare più mentre in via Masuccio Salernitano, la parallela inferiore a via Mercanti, i disagi sono ancora evidenti. Residenti ed esercenti devono fare i conti con gli allagamenti che proseguono nei depositi o negozi sotterranei. Questo perché, com’è ovvio, rispetto a via Mercanti i locali di via Masuccio Salernitano, ma anche di Via Roma, Piazza Sant’Agostino e Piazza Flavio Gioia dove si registrano problemi simili, sono posizionati ad un livello più basso e quindi recepiscono ancora l’acqua che arriva dal terreno.

Il sindaco facente funzioni di Salerno Vincenzo Napoli con ’Ordinanza contingibile urgente’, ha firmato la costituzione di un gruppo di esperti tecnici per la diagnosi del fenomeno delle infiltrazioni di acque nei vani terranei e sottoscala di alcuni locali e palazzi del centro storico cittadino. A coordinare il gruppo il Prof. Maurizio Giugni (Direttore Dipartimento di Ingegneria Civile Università Federico II). Ne fanno parte il Dott. Francesco Peduto (Presidente Nazionale Ordine dei Geologi), l’Arch. Giuseppe Grimaldi (Vicario del Segretario Generale dell’Autorità di Bacino Campania Sud), l’Ing. Alessandro Gambardella (Ingegnere Idraulico Funzionario Genio Civile), l’Ing. Ernesto Scaramella (Funzionario Provincia di Salerno) e l’Ing. Roberto Nobile (Referente Protezione Civile Comune di Salerno).

La costituzione del gruppo – si legge in una nota del comune – arriva per la “necessità di approfondire la tematica tecnica connessa ai fenomeni verificatisi, che sembrano interessare un’estesa area del Centro storico situazione che sta procurando un grande allarme sociale nella popolazione del centro storico della città e che potrebbero comportare gravi ripercussioni sulla salute dei cittadini, oltre ad evidenti pericoli circa la staticità degli stabili con conseguente pericolo per la pubblica e privata incolumità”. Il gruppo di lavoro avrà trenta giorni di tempo per espletare l’incarico di studio e per redigere una perizia tecnica volta all’adozione dei provvedimenti finalizzati alla risoluzione del problema.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Sono curioso di vedere che esce da tanta scienza. L’ allagamento è stato colpa di Salerno sistemi ma non vogliono ammetterlo per non pagare risarcimenti enormi, altrimenti come si spiega che l’acqua come è apparsa così è scomparsa? È stato una perdita di una grossa conduttura a via san benedetto, vertice degli allagamenti!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.