Sversamento di liquami: sequestrati depuratori di Amalfi e Praiano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Operazione_Procura_Salerno_scarichi

Lo splendido mare della costiera amalfitana inquinato dai liquami fecali sversati direttamente nelle acquea causa del malfunzionamento dei depuratori. E’ lo
sconcertante quadro emerso da da un’indagine della Capitaneria di porto-Guardia costiera di Salerno, coordinata dalla locale procura della Repubblica. Il lavoro degli inquirenti ha portato al sequestro degli impianti di depurazione dei comuni di Amalfi e Praiano e all’iscrizione di 9 (e non sedici come detto inizialmente), persone nel registro degli indagati.

Le analisi effettuate nel corso dei mesi hanno confermato un’altissima concentrazione di batteri fecali nell’acqua a ridosso della costa dove, soprattutto d’estate, si affollano ignari turisti. I risultati di laboratorio rivelano sforamenti macroscopici dei limiti consentiti dalla legge con un eccesso di indicatori tabellari dieci milioni superiore. Il procuratore di Salerno, Corrado Lembo, ha preannunciato che il blitz di oggi sarà solo il preludio di un’indagine più ampia. Dai primi riscontri, è stato appurato che soltanto il depuratore di Vietri sul mare è in regola. Tutti gli altri impianti sono inattivi o mal funzionanti.

Il sindaco di Praiano (Salerno), Giovanni Di Martino, l’attuale sindaco di Amalfi (Salerno) e quello precedente, rispettivamente Daniele Milano e Alfonso Del Pizzo, sono tra i nove (e non sedici come comunicato in un primo momento, ndr) indagati nell’operazione condotta dai carabinieri del Noe di Salerno e dalla Capitaneria di Porto di Salerno e illustrata questa mattina alla procura di Salerno dal procuratore Corrado Lembo.

Al centro dell’inchiesta il cattivo funzionamento di due depuratori con conseguente sversamento dei rifiuti direttamente a mare nel cuore della Costiera Amalfitana, tra i comuni di Amalfi e Praiano. Tra gli indagati ci sono anche il legale rappresentante, personale tecnico e amministratori delle società di gestione dei due depuratori della Ausino spa. Sono stati, infatti, sequestrati un impianto di trattamento dei reflui urbani situato in località Cieco di Amalfi e la stazione di sollevamento in località Porto di Amalfi e gli impianti di trattamento dei reflui urbani del comune di Praiano, in località Vettica Maggiore e via Roma.

I MOMENTI SALIENTI DELLA CONFERENZA STAMPA

L’INTERVISTA AL PROCURATORE DI SALERNO CORRADO LEMBO

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.