Cava de’Tirreni: intitolate le strade cittadine ad Avigliano e Casaburi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Strada_Avagliano_CavaSi è tenuta sabato 13 febbraio 2016, nel Salone di Rappresentanza del Palazzo di Città, la cerimonia di intitolazione della piazza della stazione ferroviaria, già piazza De Marinis, al Cav. Gaetano Avigliano (Sindaco nel dopoguerra, 1947-52) e di una strada in località San Cesareo, alla Prof.ssa Maria Casaburi (Assessore nel dopoguerra). Alla cerimonia presentata dal Professore Franco Bruno Vitolo, sono intervenuti il Consigliere Comunale con delega alla Cultura, Giovanni Del Vecchio, il Commissario Straordinario dell’Azienda di Soggiorno e Turismo di Cava de’Tirreni Carmine Salsano, il Presidente della Commissione Toponomastica Alberto Barone, il Docente Universitario di Storia, che ha trattato il tema: “Gaetano e Maria, colonne del dopoguerra” Giuseppe Foscari, il Colonnello Francesco Sciascia (Ass. ex allievi Nunziatella).

“E’ un onore per noi, afferma il Consigliere Giovanni del Vecchio, poter onorare la memoria di personaggi come Avigliano e Casaburi che hanno dato lustro alla nostra città. Gaetano Avigliano che è stato Sindaco nel dopoguerra, in un periodo molto delicato, ha avuto il merito di ricostruire il tessuto economico e sociale della nostra città. Maria Casaburi  è stata anche Assessore alla Cultura e a lei si deve la costruzione del nostro asilo nido comunale”. Dopo la presentazione al comune sulla storia di Gaetano Avigliano e Maria Casaburi, che ha avuto inizio con l’esibizione  della Fanfara Bersaglieri “Magg. Marcello Garzia” Sezione di Cava de’ Tirreni e la testimonianza di nipoti e pronipoti dei protagonisti della cerimonia, si è proceduto allo scoprimento delle targhe, rispettivamente alla stazione e a San Cesareo. La benedizione delle due strade è stata affidata per la stazione a Don Rosario Sessa e per San Cesareo a Don Pino Muller.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. A Salerno di recente è stata intitolata una piazza al mio avo Errico de MARINIS, cavesissimo, mentre a Cava si cancella la sua memoria e non è mai stato dato un riconoscimento al fratello Alberto de MARINIS, che tra tante investiture ha anche rischiato la vita in Alta Slesia (Polonia) in nome di imparzialità e correttezza della missione di pace che capeggiava tra Tedeschi e Polacchi.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.