I fatti del giorno: martedì 16 febbraio 2016

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Rassegna_fattiSIRIA: BOMBE SU OSPEDALI E SCUOLE, ALMENO 50 MORTI
ALEPPO E IDLIB COLPITE DA JET RUSSI, MOSCA NEGA

Almeno 50 persone sono state uccise ieri in Siria in attacchi
missilistici su cinque ospedali – di cui uno sostenuto da Medici
senza Frontiere – e due scuole nelle province di Idlib e di
Aleppo. Diversi attivisti hanno accusato degli attacchi la
Russia, altri i governativi siriani. Per Mosca le accuse come
“propaganda”, la Siria incolpa gli americani. Ieri sera a
Damasco è arrivato l’inviato speciale della Siria Staffan De
Mistura, per cercare di riavviare i negoziati di pace.
—.

PAPA IN MESSICO CHIEDE PERDONO AGLI INDIOS
“MEGLIO FAMIGLIA STANCA CHE VOLTI TRUCCATI SENZA CARITA'”

Papa Francesco ha chiesto “perdono” ieri ai popoli indigeni per
le “sistematiche” incomprensioni ed esclusioni subite e per le
spoliazioni delle loro terre. “Che tristezza! Quanto farebbe
bene a tutti noi fare un esame di coscienza e imparare a dire:
perdono!”, ha affermato nella messa con le comunità indigene a
San Cristobal de Las Casas, nel Chiapas. In seguito, a Tuxla
Gutierrez, Francesco ha difeso il ruolo della famiglia: “Io
preferisco una famiglia con la faccia stanca per i sacrifici, ai
volti imbellettati che non sanno di tenerezza e compassione”.
—.

DRAGHI: PRONTI AD AGIRE, MA PAESI INVESTANO E TAGLINO TASSE
PAROLE CAPO BCE FANNO VOLARE LE BROSE, MILANO MAGLIA ROSA

Mario Draghi si è schierato ieri contro l’austerity, in un
discorso al parlamento europeo. “Diventa sempre più chiaro – ha
detto – che le politiche di bilancio debbano sostenere la
ripresa attraverso investimenti pubblici e tassazione bassa”, a
fronte di una “ripresa moderata, sostenuta soprattutto dalle
nostre misure di politica monetaria”. Draghi ha ribadito però
che la “Bce è pronta a fare la sua parte” per sostenere
l’eurozona, e queste parole hanno fatto volare le borse europee,
con Milano che ha segnato il miglior risultato.
—.

UNIONI CIVILI, OGGI IN AULA AL SENATO SENZA ACCORDO NEL PD
DEM DIVISI SU ADOZIONI E SU EMENDAMENTO “CANGURO”

Il Pd non ha ancora trovato un accordo sulle unioni civili, a
poche ore dall’inizio del voto, oggi pomeriggio al Senato. Una
riunione cui hanno partecipato senatori Dem di tutte le
componenti, oltre al ministro Maria Elena Boschi, si è conclusa
senza una intesa. Stamani potrebbe esserci un nuovo incontro. Il
nodo rimane quello delle adozioni per le coppie gay: i cattodem
vogliono sostituire l’adozione del figlio del partner con un
affido rinforzato, il resto del gruppo vuole mantenerla. Il Pd
presenterà un emendamento “canguro” per saltare i 5.000
emendamenti ostruzionistici della Lega, ma anche su questo non
c’è unanimità nel gruppo.
—.

ESPLOSIONE NEL CUORE DI NAPOLI, FERITI DUE GIOVANI
SI PENSA A FUGA DI GAS. PAURA E DANNI, 15 EVACUATI

Due giovani sono rimasti feriti ieri sera in una violenta
esplosione avvenuta in un palazzo nel cuore di Napoli, in via
Giambattista Basile. Sono uno studente italiano di 24 anni e una
studentessa britannica di 22, in Italia per l’Erasmus. Non sono
in pericolo di vita. Causa probabile dello scoppio è una fuga di
gas. L’esplosione è stata fortissima: ha divelto le saracinesche
dei negozi, buttato a terra le fioriere, mandati in frantumi i
vetri delle auto e ribaltato un’automobile. Quindici persone
sono state evacuate e hanno passato la notte in albergo.
—.

GRAMMY AWARDS, UPTOWN FUNK DI MARS-RONSON MIGLIOR DISCO
TAYLOR SWIFT MIGLIOR ALBUM, ED SHEERAN CANZONE DELL’ANNO

“Uptow Funk” di Bruno Mars e Mark Ronson ha vinto il premio come
miglior disco dell’anno alla cerimonia dei Grammy Awards, che si
è tenuta nella notte a Los Angeles. Miglior Album è stato
giudicato “1989” di Taylor Swift. Ed Sheeran con “Thinking Out
Loud” ha vinto il premio per la Canzone dell’anno. Meghan
Trainor è la miglior artista emergente. Spettacolare tributo di
Lady Gaga a David Bowie, mentre la performance di Adele è stata
rovinata da un problema audio.
—.

REGENI: SERVIZI EGIZIANI RIBADISCONO, NON C’ENTRIAMO
POLIZIA ITALIANA INDAGA SU 30 CONTATTI VIA FB E SKYPE

Non c’entriamo nulla con la scomparsa e la morte di Giulio
Regeni. E’ quanto scritto in una nota inviata dall’Egitto
all’intelligence italiana per ribadire l’estraneità dei servizi
segreti del Cairo nella vicenda. Nella nota non si precisa se
Regeni fosse tenuto sotto controllo o no dagli 007 egiziani. Gli
investigatori italiani stanno ricostruendo la rete dei contatti
al Cairo via Facebook e Skype del ricercatore e hanno
individuato una trentina di persone. Regeni “è stato ucciso in
circostanze ancora tutte da chiarire”, ha ribadito ieri il
premier Renzi dall’Argentina. (Fonte ANSA).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.