Perché i tempi stanno cambiando (il nuovo libro di Ignazio Visco) di Angelo Giubileo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
angelo_giubileo_2E’ possibile che quest’ultima rivoluzione tecnologica generi problemi sia sul piano della piena occupazione che della domanda aggregata. In tal senso, già oggi alcuni effetti sono ampiamente riscontrabili nell’ambito di un’economia quale quella statunitense; che purtuttavia, seguendo le cronache, ha di nuovo ripreso la via della crescita.

In proposito, nel suo ultimo libro, Ignazio Visco evidenzia che “le nuove tecnologie hanno finora portato, negli Stati Uniti e in altri paesi, a una polarizzazione delle professioni, con aumenti di posti di lavoro concentrati nel settore dei servizi a bassa retribuzione o in quello dei lavori a elevati livelli d’istruzione e remunerazione a spese dei posti di lavoro con competenze di medio livello”.

Ma, questa è una sfida che appartiene dapprima alla decisione politica; e, guardando allo specifico della situazione italiana, Visco ritiene che “a fronte di una società e di un’economia sostanzialmente ferme da ben prima della crisi finanziaria, è assai ampio il potenziale di miglioramento che si può ottenere rimuovendo vincoli e rigidità, accelerando l’adozione delle nuove tecnologie, colmando la distanza dalla frontiera produttiva in molti settori, innalzando lo stato generale delle infrastrutture, anche quelle più tradizionali”.

Senza mai tralasciare il fatto che “molto del nostro progresso dipende poi dall’essere in Europa” e che l’Europa stessa dovrebbe cogliere quello “stimolo politico”, di cui parlava “Nino Andreatta in un saggio di quasi cinquant’anni fa”, necessario per colmare “il divario tecnologico già allora esistente tra Europa e Stati Uniti”. Tanto premesso, si appalesa la necessità, per l’Italia, ai fini della propria crescita e del proprio sviluppo, di “essere in Europa” e, per l’Europa, la necessità corrispondente, da oltre cinquant’anni, di “colmare il divario tecnologico con gli Stati Uniti”.

Nella seconda parte del libro, Ignazio Visco esamina nei particolari la situazione economica e finanziaria sviluppatasi durante l’ultima crisi finanziaria internazionale, le misure predisposte in ambito europeo per l’uscita dalla crisi e infine il ruolo che potrebbe essere svolto con successo oggi in Italia dai cosiddetti maggiori attori economici: intermediari del credito, imprese e decisori politici. Ma di questo e altro, diremo nel prossimo articolo.

Angelo Giubileo (Terza parte – continua)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.