Ancora pochi giorni per l’agevolazione IMU-TASI di Luca De Franciscis

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
commercialisti_calcolatrice_conti_tasseUna recente risoluzione del Ministero dell’Economia e delle Finanze (17 febbraio 2016, n. 3946)  in risposta ad un quesito posto dalla Confederazione Nazionale dell’Artigianato chiarisce molti punti e offre una variegata casistica per l’applicazione  dell’agevolazione IMU e TASI.

Tra le precisazioni fornite vale segnalare che la nuova legge di stabilità 2016, riduce del 50%  l’IMU e TASI per chi possiede un altro immobile in Italia, ma nello steso comune, e lo concede in comodato, o anche più semplicemente in prestito, a genitori e/o figli (in linea retta entro il primo grado) che risiedono anagraficamente e dimorino abitualmente, nello stesso comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato. Altra condizione per godere di tale beneficio è la registrazione del contratto presso l’agenzia delle Entrate.

Il contratto di comodato (art. 1803 c.c.) e in particolare il comodato immobiliare, non esige la forma scritta e, quindi, può essere redatto anche in forma verbale (ai sensi dell’art. 3, comma 1, del D.P.R. n. 131 del 1986) e non rientra tra quelli che devono essere sottoposti a registrazione, tranne nell’ipotesi di enunciazione, ovvero diviene obbligatoria quando l’atto viene depositato presso uffici pubblici per il caso d’uso.

Lo slittamento per la registrazione del contratto verbale di comodato al 1 marzo, lo si ricava dall’applicazione della norma contenuta nello Statuto del Contribuente che prevede; “le disposizioni tributarie non possono prevedere  adempimenti a carico dei contribuenti la cui scadenza sia fissata anteriormente al sessantesimo giorno dalla data della loro entrata in vigore o dell’adozione dei provvedimenti di attuazione in esse espressamente previsti”.

Nello specifico è utile ricordare che Il contratto di comodato verbale, per avere l’applicazione dell’agevolazione, dovrà essere registrato previa presentazione dell’apposito modello di richiesta di registrazione ( modello 69), dovrà essere redatto in duplice copia e dovrà contenere, come tipologia dell’atto, l’indicazione “Contratto verbale di comodato”.

Per quanto innanzi coloro che non hanno ancora registrato il contratto di comodato entro il 4 febbraio scorso, hanno tempo fino al 1 marzo (data di scadenza dei 60 giorni dall’entrata in vigore della norma) per registrare il contratto verbale di comodato con decorrenza dal 1° gennaio 2016.

 

dott. Luca De Franciscis

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.