Molestie e ricatti: il delitto alle Fornelle sconvolge Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
carabinieri_fornelle_4Saranno i risultati dell’autopsia, in programma domani, a confermare non soltanto la causa del decesso ma anche la dinamica dei fatti accaduti nel rione Fornelle a Salerno dove ha perso la vita il 60enne Eugenio Tura De Marco. In base ad un primo esame esterno della salma, sarebbero cinque i fendenti ricevuti da Tura De Marco: oltre che al cuore l’uomo è stato ferito anche al fianco, alla gola, al cranio e sul naso. A far discutere in queste ore sono le dichiarazioni rese dall’omicida, Luca Gentile 21 anni, fidanzato con la figlia della vittima,  e riportate dai quotidiani salernitani questa mattina in edicola. Secondo quanto raccontato dal 21enne, Eugenio avrebbe ricattato Luca (e ci sarebbero dei messaggi whatsapp a dimostrarlo) perché il ragazzo aveva rifiutato le sue avances.

Sarebbe stato proprio Eugenio a presentargli due mesi fa la figlia con la quale il giovane da tre settimane aveva iniziato un relazione sentimentale. Negli ultimi giorni, però, Eugenio avrebbe minacciato il giovane non solo di fargli vedere più la figlia ma di ammazzare anche lui e il padre se non avesse assecondato le sue richieste. Di qui l’ennesimo litigio. Gentile, secondo quanto raccontato ai carabinieri del Nucleo investigativo del Reparto operativo del comando provinciale di Salerno, si sarebbe difeso dandogli un calcio. Sempre secondo le dichiarazioni rese dall’arrestato, una volta colpito Tura De Marco sarebbe caduto a terra, lasciando andare il coltello: è stato allora che il genero lo ha colpito con un altro coltello a serramanico che aveva l’abitudine di portare sempre con se.

Gentile (difeso dall’avvocato Enrico Lizza) sarebbe poi fuggito via, spaventato, senza comprendere quali fossero le condizioni di Eugenio. L’omicidio risalirebbe a venerdì ma il cadavere dell’uomo è stato ritrovato dalla figlia, che non viveva con lui, soltanto sabato sera.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Ma cosa c’entra il paragone con Napoli e la città sicura? Allora se domani mattina impazzisco e stermino la mia famiglia cosa deduci? Che la camorra si è impadronita della città di Salerno? Oppure che a capo delle istituzioni c’è una cosca mafiosa?….Ma non essere ridicolo…..L’omicidio delle Fornelle è un dramma familiare di cui i retroscena manco si conoscono…….

  2. Accidenti!!oramai con i tuoi commenti ripetitivi non sei più scemo ma scemo più scemo!!!….ah ecco a chi era dedicato il film!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.