Estorsione ad un imprenditore salernitano: tre battipagliesi nei guai

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Soldi_estorsioneNella mattinata odierna, a Battipaglia e presso le Case Circondariali di Salerno e Napoli – Poggioreale, i Carabinieri della Compagnia di Battipaglia hanno dato esecuzione all’Ordinanza applicativa di misura cautelare emessa dall’Ufficio del G.I.P. del Tribunale di Salerno nei confronti dei battipagliesi Giacomo Turi (44 anni contiguo al clan camorristico “De Feo”, operante nell’area a sud della provincia salernitana, in atto ristretto presso la Casa Circondariale di Salerno), Carmine Federico (36 anni, ristretto presso la Casa Circondariale di Napoli – Poggioreale, Domenico Procida (32enne, ristretto agli arresti domiciliari. Tutti sono già detenuti per altri motivi, e sono ritenuti responsabili di concorso in estorsione, violazione di domicilio e danneggiamento.

Il provvedimento arriva al termine di una intensa attività investigativa, eseguita dai Carabinieri della Compagnia di Battipaglia diretti dal Capitano Erich Fasolino che ha permesso di comprovare il loro pieno coinvolgimento, quali correi, nell’estorsione compiuta il 25 gennaio del 2015, dalla 41enne Manuela Barra, all’epoca convivente di Giacomo Turi, nei confronti di un imprenditore salernitano  al quale vennero estorti 1.300,00 euro quale risarcimento per un sinistro stradale in cui era rimasta convolta un’autovettura intestata alla ditta della vittima, e condotta dalla citata donna, somma della quale quest’ultima intendeva appropriarsi.

Al fine di convincere la vittima a consegnare la somma, due sere prima dell’arresto della donna, ovvero il 23 gennaio 2015, Giacomo Turi, con la complicità di Carmine Federico e Domenico Procida, con una mazza da baseball mandarono in frantumi il lunotto termico dell’AUDI di proprietà dell’imprenditore, parcheggiata nel piazzale sottostante la sua abitazione. L’indagine ha consentito, inoltre, di appurare la responsabilità di Giacomo Turi nella rapina perpetrata, il 19 dicembre del 2014, presso l’agenzia assicurativa “GENERALI” di Capaccio Scalo, in cui venne sottratta la borsa all’impiegata, oggi 60enne, unica presente nella circostanza. Al Turi ed al Federico la misura è stata notificata presso le rispettive Case Circondariali mentre al Procida presso la sua abitazione di Battipaglia.

Comunicato Ufficiale dei Carabinieri di Battipaglia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.