Identificato soldato tedesco morto a Salerno durante guerra

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
soldato-ritrovato-secondo-guerra-mondialeHanno finalmente un nome e una dignitosa sepoltura i resti del soldato tedesco ritrovato dai membri dell’associazione Salerno 1943 sulle colline salernitane il 7 giugno 2012. Nell’estate di quattro anni fa, nei pressi di Giovi, furono Angelo Martucciello, Matteo Ragone, Pierpaolo Irpino, Matteo Pierro e Luigi Fortunato a ritrovare il cadavere dello sconosciuto soldato e da allora si sono dedicati senza sosta di scoprire la sua identità.

La Deutsche Dienststelle (Wast), l’agenzia statale con sede a Berlino che si occupa di rintracciare i familiari dei caduti dell’esercito tedesco, ha provveduto a decodificare il piastrino di riconoscimento ritrovato assieme alle spoglie del “povero soldato che – svela all’ANSA il presidente di Salerno 1943, Luigi Fortunato – si chiamava, Walter Prochel ed era nato il 25 luglio 1908. Venne richiamato alle armi a Berlin-Spandau nel giugno del 1940 ed assegnato come rimpiazzo con la matricola 657, alla 3^ compagnia del 67° battaglione di fanteria.

soldato-ritrovato-secondo-guerra-mondiale_2La sua unità fu uno dei reparti che entrarono in Italia all’indomani del 25 luglio 1943. In agosto prese parte ai combattimenti contro i britannici in Calabria e poi si spostò a Salerno per contrastare lo sbarco del 9 settembre 1943″. Durante i tragici giorni del settembre 1943 la zona del ritrovamento fu fortemente trincerata dalla Wehrmacht per ritardare l’avanzata degli inglesi verso l’interno. I combattimenti furono aspri, con numerose vittime da ambo le parti. Il 18 settembre, all’età di 35 anni, perse la vita il soldato tedesco.

“Quando cadde Walter – spiega ancora Luigi Fortunato – aveva il grado di Obergefreiten (caporal maggiore). Dopo il nostro ritrovamento, le sue spoglie sono state sepolte nel cimitero militare germanico di Cassino. Purtroppo, come ci ha comunicato Tina Montepaone, referente del Volksbund Deutsche Kriegsgräberfürsorge di Pomezia, non sono stati rintracciati suoi familiari ancora in vita.

Ci fa piacere, però, aver ricevuto dal WASt oltre alle notizie biografiche anche il suo piastrino che verrà esposto all’interno della mostra permanente che Salerno 1943 ha allestito nella cappella di San Ludovico nell’Archivio di Stato di Salerno.

Finora – aggiunge il presidente – abbiamo potuto ricostruire le vicende di circa un centinaio di militari e civili di varie nazionalità. Abbiamo, inoltre, recuperato finora i resti di cinque soldati. Oltre a Walter Prochel, abbiamo ritrovato le spoglie del soldato tedesco Wilhelm Hescnauer, dell’aviatore statunitense Dewey L. Gossett e di due soldati inglesi presumibilmente delle Coldstream Guards per le quali sono in corso le analisi del DNA per l’identificazione”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.